Cambio di comportamento nei gatti che invecchiano

da | Ago 19, 2019 | Comportamentale, Gatto | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso

Con l’avanzare dell’età, i gatti spesso subiscono un declino complessivo delle loro funzioni, compreso il loro funzionamento cognitivo. Si stima che il declino cognitivo, indicato come disfunzione cognitiva felina, colpisca più del 55% dei gatti di età compresa tra 11 e 15 anni e oltre l’80% dei gatti di età compresa tra 16 e 20 anni.

La memoria, la capacità di apprendere, la consapevolezza e la percezione della vista e dell’udito possono deteriorarsi nei gatti affetti dal declino cognitivo. Questo deterioramento può causare disturbi del sonno, disorientamento o riduzione dell’attività. Può far dimenticare ai gatti le abitudini precedentemente apprese che una volta conoscevano bene, come la posizione della lettiera o le loro ciotole di cibo. Può aumentare la loro ansia e la tendenza a reagire in modo aggressivo.

Può anche cambiare le loro relazioni sociali con te e con altri animali domestici nella tua casa. Comprendere i cambiamenti che sta subendo il tuo gatto può aiutarti ad affrontare in modo compassionevole ed efficace i problemi comportamentali che possono sorgere durante i suoi anni più anziani.

Alcuni effetti dell’invecchiamento non sono correlati alla disfunzione cognitiva. Spesso questi effetti possono contribuire a cambiamenti comportamentali che sembrano solo un declino cognitivo. Assicurati di segnalare tutte le anomalie che vedi al veterinario del tuo gatto. Non dare per scontato che il tuo gatto stia “solo invecchiando” e che non si può fare nulla per aiutarla. Molti cambiamenti nel comportamento sono segni di disturbi medici curabili e ci sono una varietà di terapie che possono confortare il tuo gatto e alleviare i suoi sintomi, incluso qualsiasi dolore che potrebbe provare.

Elenco di controllo delle disfunzioni cognitive

I seguenti comportamenti possono indicare una disfunzione cognitiva nel tuo gatto anziano:

Apprendimento e memoria

  • Elimina all’esterno della lettiera
  • Elimina nelle zone notte o mangiando aree
  • A volte sembra incapace di riconoscere persone familiari e animali domestici

Confusione / Disorientamento spaziale

  • Si perde in luoghi familiari
  • Fissa o fissa gli oggetti o semplicemente fissa nello spazio
  • Vaga senza meta
  • Si blocca e non può navigare intorno o sopra gli ostacoli

Relazioni / comportamento sociale

  • Meno interessati a coccole, interazioni, saluto a persone o animali domestici familiari, ecc.
  • Ha bisogno di un contatto costante, diventa eccessivamente dipendente e appiccicoso

Diminuzione dell’attività, apatico

  • Esplora meno e risponde meno alle cose che accadono intorno a lei
  • Si governa di meno
  • Mangia di meno

Ansia / irritabilità aumentata

  • Sembra irrequieto o agitato
  • Vocalizza di più e / o con un tono più urgente
  • Si comporta in modo più irritato in generale

Cicli di veglia del sonno / Orario diurno / notturno invertito

  • Dorme irrequieto, si sveglia durante la notte
  • Dorme di più durante il giorno
  • Vocalizza di più di notte

Escludere altre cause per il comportamento del tuo gatto

Se il tuo gatto mostra uno dei sintomi o dei cambiamenti sopra elencati, il primo passo è portarlo dal veterinario per determinare se esiste una causa medica specifica per il suo comportamento.

Qualsiasi malattia medica o degenerativa che causa dolore, disagio o ridotta mobilità, come artrite, malattie dentali, disfunzione tiroidea, cancro , disturbi della vista o dell’udito o malattie del tratto urinario, può portare a una maggiore sensibilità e irritabilità, a un’ansia maggiore di essere toccato o avvicinamento, maggiore aggressività (perché il gatto può scegliere di minacciare e mordere piuttosto che allontanarsi), diminuzione della reattività alla voce, ridotta capacità di adattamento ai cambiamenti e ridotta capacità di raggiungere le normali aree di eliminazione.

Se si escludono problemi medici e se si escludono problemi comportamentali primari non correlati all’invecchiamento (ad esempio, problemi iniziati anni prima che il gatto iniziasse a invecchiare), il comportamento del gatto può essere attribuito agli effetti dell’invecchiamento sul cervello.

Trattare la disfunzione cognitiva

Se la disfunzione cognitiva è l’unica spiegazione logica per i cambiamenti nel comportamento del tuo gatto, il passo successivo è cercare la terapia. Il trattamento consiste principalmente nell’apportare modifiche utili all’ambiente del tuo gatto e nel mantenere coerente il suo programma giornaliero. 

Il veterinario può anche prendere in considerazione un farmaco anti-ansia. Per una descrizione dei diversi farmaci anti-ansia utilizzati per aiutare i gatti, consultare il nostro articolo, Farmaci comportamentali per gatti .

Sporco della casa

L’eliminazione inappropriata di urina e feci è un sintomo comune nel declino cognitivo. In effetti, è la ragione più comune per cui i comportamentisti vedono i gatti più anziani. Qualsiasi numero di problemi medici può contribuire all’eliminazione inappropriata, incluso declino sensoriale, condizioni neuromuscolari che influenzano la mobilità, tumori cerebrali, disfunzione renale e disturbi del sistema endocrino.

In breve, qualsiasi disturbo che aumenta la frequenza di eliminazione del tuo gatto o diminuisce il controllo della vescica o dell’intestino può causare lo sporco della casa. Di conseguenza, il primo passo nel trattamento dell’eliminazione inappropriata in qualsiasi gatto, indipendentemente dall’età, è portarla dal veterinario per un esame approfondito.

Se il veterinario esclude problemi di salute, i seguenti suggerimenti possono essere d’aiuto:

  • Aumenta il numero di lettiere disponibili per il tuo gatto. Posiziona almeno una lettiera su ogni piano della casa nel caso in cui il gatto abbia difficoltà a salire o scendere le scale.
  • Posiziona ulteriori lettiere dove sono facili da trovare e da inserire. I gatti con declino cognitivo possono dimenticare la posizione della loro lettiera. Assicurati di tenere le scatole esistenti nei loro stessi posti, ma metti nuove scatole in aree ovvie in modo che il tuo gatto possa sempre trovare un posto appropriato per fare i bisogni.

Utilizzare lettiere con i lati bassi. Molti gatti più anziani hanno problemi o avvertono dolore quando tentano di entrare o uscire da una lettiera con i lati alti.

Per ulteriori suggerimenti e informazioni dettagliate sulla risoluzione dei problemi della lettiera, consultare il nostro articolo Problemi della lettiera.

Confusione e disorientamento

Il disorientamento è spesso il primo segno che i genitori animali domestici riconoscono come declino cognitivo nei loro gatti più anziani. Si stima che il disorientamento si verifichi in almeno il 40% dei gatti di età pari o superiore a 17 anni.

Il disorientamento può essere ridotto aumentando la prevedibilità dell’ambiente e del programma del gatto. Evita le modifiche al suo cibo, alla sua collocazione, alla sua lettiera. Cerca di mantenere la sua routine quotidiana il più coerente possibile. Se è davvero angosciata, potrebbe essere meglio confinarla in uno spazio relativamente piccolo, come un piano della casa o, in casi avanzati, una stanza. In questo modo le sarà facile trovare tutto ciò di cui ha bisogno.

Irrequietezza / Svegliarsi di notte

Il ciclo sonno-veglia di un gatto può essere compromesso dalla sua disfunzione cognitiva. Tuttavia, come con la maggior parte dei sintomi di questa patologia, ci sono anche molte ragioni alternative per aumentare l’attività notturna. Ad esempio, i gatti che dormono di più durante il giorno possono diventare più irrequieti e attivi di notte.

I cambiamenti sensoriali, come la vista o la perdita dell’udito, possono influire sulla profondità del sonno del gatto. Un’aumentata necessità di eliminazione combinata con una ridotta capacità di localizzare o accedere a una lettiera può spingere il gatto a svegliarsi e girovagare. Chiedi al veterinario del tuo gatto di fare un esame completo per identificare i problemi medici che potrebbero causare irrequietezza, disagio o una maggiore necessità di eliminare. Allo stesso tempo, prova a ristabilire le normali ore di sonno e veglia del tuo gatto.

L’ansia può anche causare maggiore irrequietezza durante la notte. Una caratteristica distinta dell’ansia geriatrica è che può manifestarsi come ansia notturna. Potrebbe essere l’ansia di essere separato dai membri della famiglia (che dormono) o preoccuparsi di vagare nella casa al buio. Il tuo gatto può tenerti sveglio chiamando, camminando nella tua stanza, facendo le fusa per la testa e dandoti le dita per l’attenzione. L’ansia può migliorare con la terapia farmacologica. 

Vocalizzazione eccessiva

I gatti più anziani possono vocalizzare eccessivamente per una serie di ragioni, tra cui disorientamento, perdita dell’udito e dolore a causa di una o più condizioni mediche. Come con altri sintomi di declino cognitivo, il primo passo dovrebbe essere quello di portare il gatto dal veterinario per un esame approfondito per escludere o trattare eventuali problemi di salute.

Generalmente aumenta le vocalizzazioni legate all’ansia, al disorientamento e al disagio da separazione. La vocalizzazione ansiosa è di solito un miagolio lamentoso. La vocalizzazione del tuo gatto anziano può diventare un problema se lo fa troppo spesso o in momenti inappropriati, come quando dormi. Mostrare la tua frustrazione o punire il tuo gatto per vocalizzare può aumentare la sua ansia e aggravare il problema. È meglio trattare una maggiore vocalizzazione aumentando l’attività del gatto durante il giorno e ristabilendo gradualmente il suo corretto ciclo sonno-veglia.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CARTELLA CLINICA
VETERINARIA

Tenere sotto controllo la salute del tuo animale non dovrebbe essere complicato. 

Sii un padrone diligente e scarica l’app gratuitamente