Che cos’è la toxoplasmosi, cura e prevenzione

da | Ago 23, 2019 | Malattie | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso

La toxoplasmosi è causata dal parassita protozoo Toxoplasma gondii. In vari luoghi del mondo, è stato dimostrato che oltre il 60% di alcune popolazioni è stato infettato dal Toxoplasma . L’infezione è spesso più alta nelle aree del mondo che hanno climi caldi e umidi e quote più basse, perché le oocisti sopravvivono meglio in questi tipi di ambienti.

La toxoplasmosi non viene trasmessa da persona a persona, tranne nei casi di trasmissione da madre a figlio (congenita) e trasfusione di sangue o trapianto di organi. Le persone in genere vengono infettate da tre principali vie di trasmissione:

  • origine alimentare
  • da animale a uomo (zoonotico)
  • madre-figlio (congenita)
  • istanze rare

Trasmissione alimentare

La forma tissutale del parassita (una cisti microscopica costituita da bradyzoiti) può essere trasmessa all’uomo dal cibo. Le persone vengono infettate da:

  • Mangiare carne poco cotta e contaminata (soprattutto maiale, agnello e cervo) o crostacei (come ostriche, vongole e cozze);
  • Ingerendo accidentalmente carne o crostacei poco cotti, contaminati dopo averlo maneggiato e non aver lavato accuratamente le mani (il toxoplasma non può essere assorbito attraverso la pelle intatta);
  • Mangiare cibo contaminato da coltelli, utensili, taglieri o altri alimenti a contatto con carne cruda, contaminata o crostacei.
  • Bere latte di capra non pastorizzato (tachizoiti).

Trasmissione da animale a uomo (zoonotico)

I gatti svolgono un ruolo importante nella diffusione della toxoplasmosi. Si infettano mangiando roditori, uccelli o altri piccoli animali infetti. Il parassita viene quindi passato nelle feci del gatto in una forma di oocisti, che è microscopica.

Gattini e gatti possono liberare milioni di oocisti nelle loro feci fino a 3 settimane dopo l’infezione. I gatti maturi hanno meno probabilità di perdere il Toxoplasma se sono stati precedentemente infettati.

Un gatto infetto da Toxoplasma che sta diffondendo il parassita nelle sue feci contamina la lettiera. Se il gatto è ammesso all’esterno, può contaminare anche il suolo o l’acqua nell’ambiente e le persone possono essere infettate da:

  • Ingestione accidentale di oocisti dopo aver pulito la lettiera di un gatto quando il gatto ha versato Toxoplasma nelle sue feci
  • Ingestione accidentale di oocisti dopo aver toccato o ingerito tutto ciò che è entrato in contatto con le feci di un gatto che contengono Toxoplasma
  • Ingestione accidentale di oocisti in terreno contaminato (ad esempio, non lavarsi le mani dopo il giardinaggio o mangiare frutta o verdura non lavate da un giardino)
  • Acqua potabile contaminata dal parassita Toxoplasma

Ciclo della toxoplasmosi

Toxoplasma gondii è un parassita protozoo che infetta la maggior parte delle specie di animali a sangue caldo, compresi gli esseri umani, e causa la toxoplasmosi della malattia.

Ciclo della vita del Toxoplasma

 

Gli unici ospiti definitivi noti per Toxoplasma gondii sono membri della famiglia dei felidi (gatti domestici e loro parenti). Le oocisti nonporzionate vengono versate nelle feci del gatto

1. Sebbene le oocisti vengano di solito liberate solo per 1-3 settimane, un numero elevato può essere versato. Le oocisti impiegano 1-5 giorni per sporcarsi nell’ambiente e diventare infettive. Gli ospiti intermedi in natura (compresi uccelli e roditori) vengono infettati dopo aver ingerito terreno, acqua o materiale vegetale contaminato da oocisti

2. Le oocisti si trasformano in tachizoiti poco dopo l’ingestione. Questi tachizoiti si localizzano nei tessuti neurali e muscolari e si trasformano in bradyzoiti a cisti tissutali

3. I gatti vengono infettati dopo aver consumato ospiti intermedi che ospitano cisti tissutali

4. I gatti possono anche essere infettati direttamente dall’ingestione di oocisti sporulate. Gli animali allevati per il consumo umano e la selvaggina possono anche essere infettati da cisti tissutali dopo l’ingestione di oocisti sporulate nell’ambiente

5. Gli esseri umani possono essere infettati da una qualsiasi delle diverse vie:

  • 6 Mangiare carne cruda di animali che ospitano cisti tissutali .
  • 7 Consumo di cibo o acqua contaminati da feci di gatto o da campioni ambientali contaminati (come terreno contaminato da feci o sostituzione della lettiera di un gatto domestico)
  • 8 Trasfusione di sangue o trapianto di organi
  • 9 Transplacentalmente dalla madre al feto

10. Nell’ospite umano, i parassiti formano cisti tissutali, più comunemente nei muscoli scheletrici, miocardio, cervello e occhi; queste cisti possono rimanere per tutta la vita dell’ospite. La diagnosi si ottiene di solito mediante sierologia, sebbene si possano osservare cisti tissutali in campioni di biopsia colorati.

11. La diagnosi delle infezioni congenite può essere ottenuta rilevando il DNA di T. gondii nel liquido amniotico usando metodi molecolari come la PCR

Trasmissione da madre a figlio (congenita)

Una donna che è stata recentemente infettata da Toxoplasma durante o subito prima della gravidanza può trasmettere l’infezione al suo bambino non ancora nato (infezione congenita). La donna potrebbe non avere sintomi, ma possono esserci gravi conseguenze per il nascituro, come malattie del sistema nervoso e degli occhi.

Rari casi di trasmissione

I destinatari del trapianto di organi possono essere infettati ricevendo un organo da un donatore sensibile al Toxoplasma. Raramente, le persone possono anche essere infettate ricevendo sangue infetto tramite trasfusione. Gli operatori di laboratorio che gestiscono il sangue infetto possono anche contrarre l’infezione attraverso l’inoculazione accidentale.
Persone sane (non gravide)
Le persone più sane guariscono dalla toxoplasmosi senza trattamento. Le persone malate possono essere trattate con una combinazione di farmaci come pirimetamina e sulfadiazina, oltre all’acido folinico.

Cura dalla toxoplasmosi

Donne in gravidanza, neonati e neonati

Le donne in gravidanza, i neonati e i neonati possono essere trattati, anche se il parassita non viene eliminato completamente. I parassiti possono rimanere all’interno delle cellule dei tessuti in una fase meno attiva; la loro posizione rende difficile per il farmaco eliminarli completamente.

Persone con malattia oculare

Alle persone con toxoplasmosi oculare viene talvolta prescritta una medicina per trattare la malattia attiva dal proprio oculista. L’opportunità o meno di assumere farmaci dipende dalle dimensioni della lesione oculare, dalla posizione e dalle caratteristiche della lesione (acuta attiva, contro cronica non progressiva).

Persone con sistema immunitario compromesso

Le persone con sistema immunitario compromesso devono essere trattate fino a quando non avranno un miglioramento delle loro condizioni. Per i pazienti affetti da AIDS, potrebbe essere necessario continuare le cure per il resto della loro vita o fino a quando sono immunodepressi

Prevenzione dalla toxoplasmosi

Ridurre il rischio derivante dal cibo

Cuocere gli alimenti a temperature sicure. Un termometro per alimenti dovrebbe essere usato per misurare la temperatura interna della carne cotta. Il colore non è un indicatore affidabile del fatto che la carne sia stata cotta a una temperatura sufficientemente elevata da uccidere agenti patogeni nocivi come il Toxoplasma. Non assaggiare la carne finché non è cotta.

Cottura della carne (escluso il pollame)

Cuocere ad almeno 63°. Misurare con un termometro per alimenti posizionato nella parte più spessa della carne, quindi lasciare riposare la carne per tre minuti prima di tagliare o consumare. Durante i tre minuti successivi alla rimozione della carne dalla fonte di calore, la sua temperatura rimane costante o continua a salire, il che distrugge i patogeni. 

Per carne macinata (escluso il pollame)

Cuocere ad almeno 71 ° C; le carni macinate non richiedono un tempo di riposo.

Per tutto il pollame (tagli interi e macinati)

Cuocere ad almeno 74 ° C. La temperatura interna deve essere controllata nella parte più interna della coscia, nella parte più interna dell’ala e nella parte più spessa del petto. Il pollame non richiede un periodo di riposo.

Congelare la carne per diversi giorni a temperature inferiori allo zero prima della cottura per ridurre notevolmente la possibilità di infezione. * Il congelamento non uccide in modo affidabile altri parassiti che possono essere trovati nella carne (come alcune specie di Trichinella ) o batteri nocivi. Cucinare la carne alle temperature interne raccomandate è il metodo più sicuro per distruggere tutti i parassiti e altri agenti patogeni.

Sbucciare o lavare accuratamente frutta e verdura prima di mangiare. Lavare taglieri, piatti, banconi, utensili e mani con acqua insaponata dopo il contatto con carne cruda, pollame, frutti di mare o frutta o verdura non lavate. Non bere latte di capra non pastorizzato. Non mangiare ostriche, cozze o vongole crude o poco cotte (possono essere contaminate con Toxoplasma che è stato lavato nell’acqua di mare).

Per ridurre il rischio di toxoplasmosi dall’ambiente:

  • Evitare di bere acqua non trattata.
  • Indossare guanti durante il giardinaggio e durante qualsiasi contatto con terra o sabbia perché potrebbe essere contaminato da feci di gatto che contengono Toxoplasma.
  • Lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il giardinaggio o il contatto con terra o sabbia.
  • Insegna ai bambini l’importanza di lavarsi le mani per prevenire l’infezione.
  • Tieni coperte le lettiere esterne.
  • Dai da mangiare ai gatti solo alimenti commerciali in scatola o secchi o cibi da tavola ben cotti, non carni crude o poco cotte.
  • Assicurarsi che la lettiera per gatti venga cambiata quotidianamente. Il parassita Toxoplasma non diventa infettivo da 1 a 5 giorni dopo che è stato versato nelle feci di un gatto.
  • In caso di gravidanza o immunocompromissione:
    • Evitare di cambiare la lettiera se possibile. Se nessun altro è in grado di eseguire l’operazione, indossare guanti monouso e lavarsi le mani con acqua e sapone in seguito.
    • Tieni i gatti in casa per impedire loro di cacciare e ridurre le probabilità che vengano infettati dal Toxoplasma .
      Non adottare o maneggiare gatti randagi, in particolare gattini. Non prendere un nuovo gatto mentre sei incinta o immunocompromessa

CARTELLA CLINICA
VETERINARIA

Tenere sotto controllo la salute del tuo animale non dovrebbe essere complicato. 

Sii un padrone diligente e scarica l’app gratuitamente