Tutto quello che c’è da sapere sulla Gravidanza e sul Parto del Gatto

da | Ago 5, 2020 | Pronto Soccorso | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Disabilità
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso
Uncategorized

 

La durata della gestazione nella vita dei nostri cani e gatti complessivamente va dai 59 ai 65 giorni totali. All’inizio le doglie possono presentarsi non ravvicinate e leggere. Portarla dal veterinario dopo tre ore o prima se si presenta debolezza fisica evidente. Le gatte possono rimanere incinta nel periodo che va da primavera all’autunno.

La nascita dei cuccioli avviene dopo 15/30 minuti da quando le contrazioni diventano ravvicinati e più intense. La durata del parto può variare da un minimo di 4/6 ore fino ad un massimo di 12 ore. Questo può dipendere da diversi fattori quali: il numero di cuccioli, femmina primipara o meno, dalla taglia dell’animale, dall‘apertura del canale del parto.

La presenza di perdite vaginali bruno rossastre si presentano circa 10 minuti prima della nascita del primo nato. Queste perdite continuano per le settimane a seguire.

Segni della gravidanza nel gatto

  • Dopo 2 settimane, i capezzoli diventano ingrossati e rossi, noti come “rosati”.
  • Una gatto incinta può anche subire una fase di febbre, e ammalarsi di tanto in tanto.
  • Il tuo gatto guadagnerà tra uno e due Kg, a seconda del numero di gattini. Questa è una forte indicazione di un gatto incinta.
  • L’addome inizierà a gonfiarsi, ma evita di toccarlo troppo saldamente per evitare il rischio di danneggiare i gattini non ancora nati.
  • Prima di dare alla luce, il comportamento del tuo gatto diventerà “materno” e potrebbe iniziare a fare le fusa.
  • Probabilmente rifiuterà il cibo, agirà in modo instabile e potrebbe iniziare a cercare un posto tranquillo adatto in cui partorire.
  • Il primo segno di travaglio è un calo di temperatura nella madre a circa 37,8 ° C.
  • Dovresti quindi vedere la contrazione dell’addome e le perdite vaginali (se la scarica è pesante e nera o di colore sangue, dovresti contattare il veterinario)

Cosa fare?

E’ importante sottolineare che la maggior parte dei parti non ha bisogno dell’aiuto esterno. Ma possiamo fare qualcosa per semplificare questo momento doloroso:

  • Creare un posto tranquillo, caldo
  • Facile da pulire
  • Lasciare spazio di fuga,
  • Controllare ma non disturbare,
  • Se i cuccioli sono bloccati tirare delicatamente usando un panno,
  • Togliere le membrane fetali.
  • Legare e poi tagliare il cordone ombelicale a due cm dal nodo
  • Disinfettare

Prendersi cura della tua “regina” incinta

Le gatte incinta vengono chiamate regine

È raro, ma nelle prime fasi della gravidanza, il tuo gatto potrebbe avere “nausea mattutina” che potrebbe presentarsi come mancanza di appetito o vomito. Se continua a succedere, portala dal veterinario. Con l’ondata di ormoni e i cambiamenti nel suo utero, può mostrare segni di affaticamento. Questa fase alla fine svanirà dopo che passeranno le prime settimane. Inoltre il gatto dopo aver partorito potrebbe aver bisogno di calorie extra. Sii attento alla sua alimentazione. Solitamente mangia 1,5 volte di più durante la gravidanza. Ovviamente ci sono cibi specifici per gatte incinta.

Vaccinazioni, virus e batteri

I virus possono diffondersi ai cuccioli prima che nascano, quindi tieniti aggiornato sul programma di vaccinazione del tuo gatto. Usa la cartella clinica veterinaria gratuita messa a disposizione da DoctorVet. Se la tua gatta incinta è in cura per la sua regolare vaccinazione e il trattamento della rugiada / trattamento delle pulci o ha bisogno di farmaci, consulta prima il veterinario per assicurarti che il trattamento sia sicuro per lei. È meglio vaccinare prima dell’allevamento, poiché la maggior parte dei vaccini non sono sicuri da somministrare durante la gravidanza.

Suggerimenti per prepararsi al grande giorno

Rendi la tua casa un luogo confortevole per la nascita imminente. Se normalmente lasci che il tuo gatto esca, fermalo, nel caso in cui vada in travaglio durante uno dei suoi giretti del quartiere.

Circa 2 settimane prima della data, potresti notare che il tuo gatto si comporta in modo diverso, questo succede quando il gatto “entra in modalità prenatale”. Per dare una mano, creare degli angoli o cuccette adatte al gatto che cerca luoghi sicuri e riparati. Trova una scatola di medie dimensioni con un’apertura bassa e coprila con giornali, asciugamani vecchi e morbide coperte per creare un’area rilassante per la madre e i suoi futuri cuccioli.

Dovresti posizionare la cuccia in un angolo tranquillo della tua casa. Lascia che la tua gatta incinta lo visiti spesso, prima della nascita, così si abitua alla zona e si sente a suo agio. Tieni presente che puoi indurre il gatto ad usare il punto ideale della casa che hai appena costruito. Ma è un gatto, potrebbe non volerlo utilizzare. Accetta le decisioni della mamma-gatta. Se vuole partorire nel cesto della biancheria, dietro il bidone della spazzatura o nel retro del tuo armadio, lo farà comunque.

Quando noti che è in modalità prenatale, portala dal veterinario per la sua visita finale prima del grande giorno. Può darti maggiori informazioni su come prepararti per il parto, controllare la salute della mamma e dei gattini e dirti che vuoi fare in caso di emergenza durante il parto.

Due indizi che il grande giorno sta arrivando: i gatti di solito smettono di mangiare 24 ore prima del parto e la loro temperatura scende sotto i 37,7°C.

Fasi della gravidanza

Fase 1 – Fecondazione dell’ovulo – (dai giorni 0 – 12): Questo è quando l’ovulo viene fecondato nel tubo uterino. Quindi viaggia lungo l’ovidotto ed entra nell’utero, verso il sesto giorno di sviluppo. Alcune cellule si raggruppano a un’estremità formando l’embrione (il nuovo gattino) mentre le altre parti formano la placenta. La placenta è la connessione tra madre e gattino.

Fase 2 – Periodo critico di embriogenesi (giorno 12 – 24): in questo caso vengono stabiliti il ​​sistema nervoso, il cuore e la colonna vertebrale (colonna vertebrale). Quindi i vasi sanguigni compaiono all’interno dell’embrione (gattino) e tra l’embrione e la placenta. Tutto ciò accade in soli due o tre giorni. Quindi iniziano a formarsi fegato, tratto digestivo, sistema respiratorio, arti, organi di senso, cranio, vescica ecc. Il gattino misura solo qualche cm a 15 giorni, 2-4cm di pollice a 21 giorni e 4-7cm a 24 giorni. Un veterinario (questo non dovrebbe essere fatto da qualcuno inesperto, poiché il danno potrebbe essere causato) può sentire i gattini dalla palpazione addominale a venti giorni dopo il concepimento. A circa tre settimane, i capezzoli della regina iniziano a rosicchiarsi e ad allargarsi leggermente. La pelliccia sul ventre della regina e attorno ai capezzoli può diventare più sottile.

Fase 3 – Crescita fetale (dal 24 ° giorno alla nascita) tempo di crescita rapida:Gli organi assumono la loro forma corretta, i nervi si sviluppano e le ghiandole ormonali iniziano a funzionare e controllare i processi. Questo continua a svilupparsi anche dopo la nascita, per esempio; il pieno sviluppo degli occhi non viene realizzato fino a 5-6 settimane dopo la nascita e le cellule nervose nel cervello continuano a formarsi e svilupparsi per diversi mesi. 

A quattro settimane dal concepimento, i cuccioli hanno dimensioni di poco più di un pollice. Di giorno 35 i gattini galleggiano in capsule di liquido e non possono essere sentiti fino al giorno 49, quando le loro teste sono abbastanza grandi da poter essere sentite come strutture separate. 

Questo dovrebbe essere fatto solo da un veterinario perché il danno o l’aborto potrebbero essere facilmente causati. I successivi segni di gravidanza sono un addome a forma di pera, i movimenti fetali dovrebbero essere osservabili anche nelle ultime due settimane. Anche i seni si allargheranno e un liquido lattiginoso può essere espresso dai capezzoli. Potrebbe esserci una scarica chiara o macchiata di sangue dalla vulva da 12 a 24 ore prima della consegna della regina.

 Cosa NON Fare

  • Non intervenire se non utile;

  • Non infilare le dita nel canale del parto aperto;

  • Non usare farmaci o pinze;

  • Non tirare la testa dei cuccioli;

  • Non tirare il cordone ombelicale,

  • Non usare cuscini o piastre elettriche.

Condividi l'articolo su:

Iscrivi e tieni sotto controllo lo stato di salute del tuo animale.

Gestire la salute del tuo animale non dovrebbe essere compliato

L’obiettivo è fornirti un valido strumento così da poter mantenere alta la qualità della vita del tuo migliore amico.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *