Cosa sono le ghiandole perianali del cane e come prendersene cura

da | Feb 4, 2020 | Cane, Malattie | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Disabilità
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso
Uncategorized

I cani hanno due piccole sacche ovali su entrambi i lati dell’ano. Lo scopo delle ghiandole è quello di produrre un fluido con un forte odore e pungente unico per ogni cane. Per i cani produrre un liquido oleoso particolarmente denso, maleodorante, secreto dal tessuto ghiandolare serve per l’identificazione e la marcatura del territorio. Questo è il motivo per cui i cani odorano il sedere degli altri cani quando si incontrano e si salutano, che alzano le code per sentire i rispettivi odori.

Molti cani vivono la loro vita senza avere problemi con le loro ghiandole perianali. Ci sono volte, tuttavia, in cui queste ghiandole possono avere dei problemi e di conseguenza possono gonfiarsi, infettarsi o sviluppare ascessi.

Quando si verificano segni di problemi di questo genere alle ghiandole perianali, i proprietari dovrebbero contattare al più presto un veterinario.

Cani: ghiandole perianali infette, ano arrossato?

Nella maggior parte dei casi, le secrezioni ghiandole perianali sono costanti e graduali, quindi solitamente non risultano visibili e l’odore non si sente. Quando l’odore distintivo del tuo cane diventa forte e percepibile a distanza può essere un campanello d’allarme per qualcosa che non va. Il fluido normale della ghiandola anale ha una consistenza leggermente viscosa e di color giallo chiaro. Quando la ghiandola ha un problema il fluido rimane di un colore più scuro marrone o grigio con la presenza occasionale di sangue o pus che di solitamente indicano la presenza di un infezione.

Generalmente le ghiandole anali del cane si svuotano spontaneamente mentre il cane cammina o defeca, le feci infatti esercitano una pressione naturale sulle pareti del retto aiutando così le ghiandole a svuotarsi e allo stesso tempo il liquido aiuterà a lubrificare l’apertura anale del cane, facilitando e conferendo l’odore caratteristico identificativo alla cacca del tuo cane.

Quando le ghiandole perianali non riescono a vuotarsi spontaneamente il tuo cane potrebbe avere fastidio e attuerà dei comportamenti nel tentativo di risolvere il problema.

Ecco quali sono i sintomi e i comportamenti da tenere d’occhio:

  • Se noti che si sforza eccessivamente o ha difficoltà a defecare
  • Se presenta tracce di sangue o pus nelle feci o vicino al retto
  • Quando si lecca troppo o ha prurito eccessivo nell’area anale
  • Quando si gratta il posteriore lungo il pavimento o il prato

Cause dei problemi della ghiandola perianale nei cani

Per ridurre le possibilità di sviluppare problemi con le ghiandole perianali, assicurati di dare al tuo cane una dieta ricca di fibre (che lo aiuteranno a svuotare naturalmente le sacche durante la defecazione) e assicurati che faccia molto esercizio fisico. Alcuni fattori possono aumentare la probabilità che un cane sviluppi ghiandole perianali gonfie, infette o ascesse:

  • Dermatite cronica della pelle
  • Obesità
  • Scarsa presenza di fibre nella dieta
  • Feci eccessivamente morbide croniche, diarrea
  • Allergie alimentari e / o ambientali
  • Genetica: mentre è più comune per le razze più piccole sviluppare problemi con le loro ghiandole perianali, nessuna razza ne è immune.

cane-che-si-gratta-sul-pavimento

i cani che soffrono di ghiandole perianali infiammate tendono a grattarsi sul pavimento

Diversi gradi di infezione delle ghiandole perianali

Normalmente, quando un cane fa la cacca, anche il liquido nelle sue sacche anali viene espulso. È quando non si svuotano completamente che si sviluppano i problemi. Il fluido all’interno può diventare così secco e denso da tappare le ghiandole perianali, provocandone un rigonfiamento.

Per fortuna, le sacche tappate sono facili da trattare. Le ghiandole possono essere svuotate delicatamente con le dita. Potrebbe essere necessario farlo regolarmente, il veterinario può mostrarti come.

Se il tuo cane risulta particolarmente soggetto a sviluppare problematiche, prova a concordare un diverso regime dietetico a base di fibre con il tuo veterinario. Una dieta a base di fibre migliora la consistenza e il volume delle feci che in questo modo esercitano una maggiore pressione sulle sacche che saranno più propense a svuotarsi naturalmente.

Se il tuo cane non ha problemi, non è necessario intervenire per svuotare le sue ghiandole perianali.

Cosa può succedere alle ghiandole perianali gonfie?

Se non trattata la ghiandola gonfia e ostruita rischia di infettarsi. Se delle perdite anali di pus giallo o del sangue che trasuda dalle sue ghiandole è un segno di infezione. Il fastidio e il dolore dell’infezione potrebbe spingere il tu cane ad avere scatti nervosi e di rabbia. Per trattare l’infezione il veterinario laverà accuratamente le ghiandole perianali e darà al tuo cane degli antibiotici.

Un’infezione non trattata rischia di sviluppare un ascesso (una massa dolorosa gonfia e infetta) e potrebbe aprirsi. Per intervenire il veterinario aprirà e drenerà il contenuto dell’ascesso effettuerà una pulizia anale e subito dopo solitamente potrebbe prescrivere degli antibiotici e farmaci antinfiammatori.

Con rari casi di infezione ricorrente o presenza di un tipo specifico di tumore maligno chiamato adrenocarcinoma delle ghiandole perianali, potrebbe risultare necessario rimuoverle chirurgicamente con una procedura nota come sacculectomia anale. Le potenziali complicanze di questo tipo di chirurgia specialistica, tuttavia, rendono l’operazione strettamente riservata ai soli casi essenziali. Se il tuo cane continua ad avere problemi, il veterinario potrebbe voler rimuovere le sue ghiandole perianali con un intervento chirurgico. È una procedura semplice, ma può causare complicazioni come l’incontinenza fecale, è quindi una soluzione da prendere in considerazione solo se il caso lo richiede.

Condividi l'articolo su:

Iscrivi e tieni sotto controllo lo stato di salute del tuo animale.

Gestire la salute del tuo animale non dovrebbe essere compliato

L’obiettivo è fornirti un valido strumento così da poter mantenere alta la qualità della vita del tuo migliore amico.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *