La tosse dei canili nei cani

da | Set 27, 2019 | Cane | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso

La tosse dei canili, nome comune dato alla malattia respiratoria infettiva canina (CIRD), è una patologia respiratoria altamente contagiosa tra i cani.

La tosse dei canili è caratterizzata dall’infiammazione della trachea e dei tubi bronchiali ed è simile al comune raffreddore nell’uomo. Si trova in tutto il mondo ed è nota per infettare un’alta percentuale di cani almeno una volta durante la loro vita.

A volte viene anche definita bordetellosi, a causa dei batteri molto comunemente associati ai sintomi.

I cuccioli giovani spesso soffrono delle complicazioni più gravi che possono derivare dalla tosse dei canili poiché hanno un sistema immunitario immaturo. Corrono un rischio maggiore anche i cani più anziani, che possono avere una ridotta capacità immunitaria, i cani in gravidanza, anch’essi con immunità ridotta, e i cani con malattie respiratorie preesistenti.

Nelle situazioni appena descritte, la tosse dei canili può rapidamente diventare polmonite, una grave complicazione che può richiedere il ricovero in ospedale del cane.

Sintomi della tosse dei canili in un cane

I sintomi per riconoscere la tosse dei canili sono:

  • Una tosse secca persistente è il più comune;
  • Tosse che tiene svegli i cani per tutta la notte;
  • Conati;
  • Scarico nasale acquoso;
  • In casi lievi, i cani sono spesso attivi e mangiano normalmente;
  • Nei casi più gravi, i sintomi progrediscono e possono includere polmonite, inappetenza, febbre, letargia e persino morte.

Cause di tosse dei canili nei cani

Alcuni dei microrganismi più comuni che contribuiscono alla malattia respiratoria infettiva canina (CIRD), sono i batteri Bordetella bronchiseptica, l’adenovirus canino, il virus della parainfluenza e il micoplasma. Ciascuno di questi organismi può causare i sintomi di questa malattia, da solo o in combinazione con un lungo elenco di altri organismi meno comuni. Le infezioni causate da più organismi tendono a causare i sintomi più gravi.

Spesso i cani sviluppano segni clinici associati alla tosse da canile 3-4 giorni dopo l’esposizione a un gran numero di altri cani (ad es. presso una struttura per imbarchi, rifugi o esposizioni canine) ma possono essere necessari fino a 10 giorni. I cani possono anche presentare sintomi lievi dopo aver ricevuto il vaccino.

Diagnosi di tosse dei canili

La diagnosi di questa malattia si basa in gran parte sul tipo di sintomi presenti e sullo storico relativamente all’esposizione ad altri cani.

Sarà necessario fornire il quadro completo della salute del cane e l’insorgenza dei segni clinici. Il veterinario può ordinare una combinazione di test di laboratorio del sangue, un conteggio completo delle cellule del sangue, un’analisi delle urine, esami fecali e radiografie del torace.

Se un cane non risponde al trattamento somministrato, potrebbero essere necessari ulteriori test (quali, ad esempio, colture batteriche) per identificare la causa della tosse.

Trattare la tosse dei canili

Il trattamento dipende dalla gravità dell’infezione. Se il cane è vigile, attivo, mangia regolarmente e presenta solo lievi sintomi, il veterinario può prescrivere solo cure di supporto generali, come riposo, buona idratazione e corretta alimentazione. I cani più colpiti dovranno assumere farmaci che riducono l’infiammazione e la tosse, come lo sciroppo per la tosse sicuro e specifico per una somministrazione canina. Se il veterinario sospetta che sia presente un’infezione batterica, gli antibiotici per cani possono aiutare ad abbreviare il decorso della malattia. I cani che sviluppano la polmonite devono spesso essere ricoverati in ospedale per un trattamento più aggressivo.

Vivere e gestire la tosse dei canili nei cani

Al fine di prevenire la diffusione di questa malattia, i cani con tosse da canile devono essere isolati fino a quando le loro condizioni migliorano e si azzera il rischio di contagio. Qualsiasi cane che viene potenzialmente a contatto con un altro cane (in particolare quelli che partecipano a mostre o trascorrono del tempo in un imbarco, nelle strutture diurne o in parchi per cani) deve essere vaccinato contro Bordetella bronchiseptica e virus della parainfluenza canina. Tutti i cani, inoltre, devono essere vaccinati contro l’adenovirus canino.

Anche dopo essere stati vaccinati, i cani possono ancora contrarre la tosse dei canili, sebbene, di solito, in una forma meno grave di quella che avrebbero altrimenti. È meglio essere attenti e preparati.

Se un cane che vive in casa contrae la tosse dei canili, è probabile che anche gli altri cani in casa sviluppino i sintomi. Se possibile, è opportuno tenere i cani separati e pulire a fondo tutte le superfici che usano, compresi lettiera e pavimentazione. Se non si riesce a separare i cani, una pulizia frequente limiterà almeno la contaminazione incrociata.

Sebbene questa infezione di solito non sia trasmissibile all’uomo, ci sono casi in cui bambini e adulti con sistema immunitario compromesso possono essere a rischio. In questi casi, è meglio parlare con il proprio medico.

CARTELLA CLINICA
VETERINARIA

Tenere sotto controllo la salute del tuo animale non dovrebbe essere complicato. 

Sii un padrone diligente e scarica l’app gratuitamente