RCP e respirazione artificiale nel gatto

da | Ott 14, 2019 | Cane, Gatto, Pronto Soccorso | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso

La respirazione artificiale (RA) e la rianimazione cardiopolmonare (RCP) per gatti sono procedure di emergenza che si spera di non dover mai usare. Si praticano con l’obiettivo di ripristinare il flusso sanguigno e l’ossigeno negli organi vitali.

La soluzione migliore è sempre quella di portare il gatto dal veterinario prima che i problemi diventino gravi a tal punto da richiedere la RCP. Ma eseguire correttamente la RCP sul gatto può darti il ​​tempo di portarlo dal veterinario. Se si suppone che il gatto abbia bisogno di RCP o RA, è bene sapere che la situazione di emergenza non si conclude fino a quando non viene curato da un veterinario e dal suo staff.

Quali segnali considerare

Questi segnali sono tutti motivi validi per portare immediatamente il gatto dal veterinario:

  • Respirazione difficoltosa;
  • Debolezza o letargia;
  • Incoscienza;
  • Qualsiasi insorgenza improvvisa di malattia;
  • Gravi lesioni o traumi.

Ecco alcuni segni vitali da controllare per decidere se è necessaria la RA o la RCP sul gatto:

  • Controllare la respirazione. Osservare il movimento del torace o mettere la mano davanti al naso del gatto per sentire il respiro. Se si appanna un pezzo di vetro o di metallo pulito che si trova davanti al naso del gatto, probabilmente la RCP non è necessaria;
  • Controllare il colore delle gengive. Se le gengive del gatto sono bluastre o grigie, questo indica che non ricevono abbastanza ossigeno; le gengive bianche sono il risultato di una cattiva circolazione sanguigna. Alcuni gatti hanno delle gengive di colore scuro: per quei gatti, controllare il colore della lingua. Nella maggior parte dei casi, se il gatto consente di esaminare la lingua, c’è bisogno di RCP o RA;
  • Verificare la presenza di polso all’interno della coscia, vicino al punto in cui la gamba incontra il corpo. Questo è il polso femorale;
  • Ascoltare il battito cardiaco mettendo l’orecchio (o uno stetoscopio) sul lato sinistro del torace vicino al gomito.

Cure immediate

Se possibile, eseguire le seguenti operazioni mentre si sta andando dal veterinario. Chiamare immediatamente il proprio veterinario perché può essere d’aiuto in questi passaggi e nel dare al gatto le migliori possibilità di sopravvivenza per arrivare alla clinica veterinaria.

  1. Controllare la respirazione;
  2. Se non respira, aprirgli la bocca e rimuovere eventuali ostruzioni nelle vie respiratorie. Questo è sicuro solo se l’animale è incosciente;
  3. Tirare la lingua verso la parte anteriore della bocca, quindi chiudere la bocca e tenerla delicatamente chiusa;
  4. Assicurarsi che il collo sia dritto e respirare brevi boccate d’aria nel naso, un respiro ogni 4-5 secondi. (Se si conosce la RCP per i bambini umani, usare una forza respiratoria simile);
  5. Guardare il movimento del torace; il torace dovrebbe alzarsi da entrambi i lati quando fa un respiro e rilassarsi successivamente. Fare da 3 a 5 respiri, quindi controllare se c’è un impulso e respirare di nuovo. Ripetere secondo necessità ad una frequenza di 10 respiri al minuto. Continuare con la respirazione mentre qualcun altro guida;
  6. Se il cuore del gatto si ferma, usare sia la respirazione artificiale che la RCP (passaggi da 7 a 10);
  7. Controllare il battito cardiaco e il polso;
  8. Se non c’è segnale di battito, appoggiare il gatto sul lato destro su una superficie piana;
  9. Posizionare il pollice e le dita di una mano su entrambi i lati del torace, dietro i gomiti, e fare una rapida pressione per comprimere il torace a circa metà del suo spessore normale;
  10. Comprimere il torace circa 15 volte ogni 10 secondi; dare un respiro ogni 10 compressioni.

Cure veterinarie

Diagnosi

Il veterinario sottoporrà il gatto ad un esame fisico per valutare l’attività del cuore e dei polmoni prima di iniziare gli sforzi di rianimazione. Se il veterinario riuscirà a rianimare il gatto, verranno eseguiti test appropriati per determinare quale sia il problema di salute di base.

Trattamento

Mentre il veterinario continua con la RCP, alcune o tutte le seguenti operazioni possono essere fatte per aiutare a rianimare il tuo gatto:

  • Posizionamento del tubo endotracheale e dell’ossigeno utilizzato per la respirazione artificiale;
  • Catetere endovenoso posizionato per consentire una più facile somministrazione di farmaci di emergenza e per fornire liquidi;
  • Epinefrina e altri farmaci di emergenza somministrati nel tentativo di stimolare il cuore e la respirazione.

Vita e gestione

Sfortunatamente, la maggior parte dei gatti che arrivano al punto di aver bisogno della RCP non sopravvivono. Se il gatto sopravvive, è molto probabile che resterà in ospedale fino a quando non viene fatta una diagnosi e le sue condizioni si stabilizzano.

Spesso se un gatto richiede un trattamento di emergenza, incluso RCP o RA, è molto malato. Il recupero completo può richiedere molti giorni e tempo, sforzi e costi finanziari significativi. È importante discutere tutto questo con il veterinario una volta che il gatto è stato valutato.

Prevenzione

Gli incidenti accadono, nonostante i migliori sforzi per proteggere i nostri animali domestici, e alcuni possono essere abbastanza gravi da richiedere RA o RCP per i gatti. Controlli regolari e la tempestiva cura dei problemi di salute diminuiranno le possibilità che il gatto abbia un problema serio che richiede la respirazione artificiale o la RCP.

CARTELLA CLINICA
VETERINARIA

Tenere sotto controllo la salute del tuo animale non dovrebbe essere complicato. 

Sii un padrone diligente e scarica l’app gratuitamente