Terza Palpebra nel cane: cos’è, sintomi, diagnosi, prevenzione e cura

Feb 12, 2024 | Cane, Malattie

Più risultati...

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Post Type Selectors
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Disabilità
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso
Uncategorized

Terza palpebra nel cane

La terza palpebra, nota anche come membrana nittitante, svolge un ruolo essenziale nella protezione e nella salute oculare dei cani. Questa struttura semitrasparente, situata nell’angolo interno dell’occhio, aiuta a mantenere l’occhio pulito e umido, proteggendolo da detriti e infezioni. La visibilità o l’infiammazione della terza palpebra può essere un indicatore di varie condizioni, dalle più lievi alle più gravi, richiedendo attenzione veterinaria per determinarne la causa e il trattamento adeguato.

A cosa serve la membrana nittidante

La membrana nittitante agisce come una terza palpebra supplementare che fornisce una protezione aggiuntiva all’occhio del cane. Oltre a svolgere una funzione protettiva, questa membrana contiene una ghiandola lacrimale che contribuisce significativamente alla produzione di lacrime, essenziali per mantenere la superficie oculare adeguatamente lubrificata.

Doppia palpebra

Il termine “doppia palpebra” può talvolta essere usato per descrivere la terza palpebra, ma è importante sottolineare che si tratta di una struttura distinta dalle palpebre superiori e inferiori, progettata specificamente per offrire una protezione e lubrificazione extra.

 

la terza palpebra nel cane visibile

La terza palpebra è visibile nei cani è un sintomo di preoccupazione

 

Terza palpebra

La comparsa evidente della terza palpebra in uno o entrambi gli occhi di un cane può essere un segno di allarme che non deve essere ignorato. Condizioni come il prolasso della terza palpebra, conosciuto anche come “occhio di ciliegia”, infiammazioni, o la presenza di corpi estranei, sono tra le cause comuni che richiedono un intervento veterinario.

Per monitorare la salute oculare del tuo cane e gestire prontamente qualsiasi problema, DoctorVet offre una cartella clinica veterinaria gratuita accessibile su https://my.doctorvet.it. Questo strumento permette ai proprietari di creare un profilo dettagliato per il loro animale, dove è possibile registrare informazioni cruciali, risultati degli esami, dettagli delle visite veterinarie, e impostare promemoria pratici.

doctorvet-cartella-clinica-veterinaria-gratuita

 CARTELLA CLINICA VETERINARIA

La cartella clinica consente di registrare e aggiornare informazioni importanti sulla salute del proprio animale, tra cui vaccinazioni, trattamenti periodici, diagnosi, prescrizioni, esami, referti e note cliniche. Attiva i promemoria per una gestione più facile ed efficace

 Il veterinario può aggiornare la cartella clinica con nuove informazioni, prescrizioni o terapie, analisi, esami e referrti,  consentendo una migliore gestione della salute dell’animale, anche tramite i pratici promemoria.

Scopri My.Doctorvet

La terza palpebra, o membrana nittitante, può diventare visibile o infiammarsi a causa di diverse condizioni, tra cui infezioni, traumi, allergie, o malattie sistemiche. Un comune problema è il prolasso della ghiandola della terza palpebra, noto anche come “occhio di ciliegia”, che si verifica quando la ghiandola si gonfia e sporge. Altre cause possono includere la sindrome di Horner, che influisce sui nervi dell’occhio, o la disidratazione, che altera la normale funzione protettiva della terza palpebra.

I sintomi associati a problemi della terza palpebra includono visibilità aumentata della membrana, arrossamento, gonfiore, e possibile secrezione dall’occhio. I cani possono mostrare segni di disagio come sfregamento dell’occhio, tentativi di tenere l’occhio chiuso, o reazione dolorosa alla luce. Questi sintomi possono variare in gravità e spesso richiedono un’attenzione veterinaria per valutare la causa sottostante.

Il trattamento dei problemi della terza palpebra dipende dalla causa sottostante. Nei casi di prolasso della ghiandola, può essere necessario un intervento chirurgico per riposizionare o rimuovere la ghiandola infiammata. Le infezioni possono richiedere l’applicazione di colliri o pomate antibiotiche, mentre le condizioni allergiche possono essere gestite con antistaminici o terapie anti-infiammatorie. È essenziale seguire le indicazioni del veterinario per un recupero efficace.

La prevenzione dei problemi alla terza palpebra include la protezione degli occhi del cane da traumi e irritanti, mantenendo un ambiente sicuro e controllato. Una dieta equilibrata ricca di nutrienti essenziali supporta la salute generale e quella oculare. Controlli veterinari regolari consentono la diagnosi precoce di eventuali problemi oculari, migliorando le possibilità di trattamento e recupero. Inoltre, assicurarsi che il cane sia idratato può aiutare a mantenere la funzionalità ottimale della terza palpebra.

Cause terza palpebra

La visibilità o l’infiammazione della terza palpebra nei cani può essere scatenata da una varietà di fattori, che vanno da condizioni relativamente minori a problemi di salute più seri. Comprendere queste cause è fondamentale per identificare il trattamento più appropriato e garantire il benessere oculare del cane.

Congiuntivite

Una delle cause più comuni di problemi alla terza palpebra è la congiuntivite, un’infiammazione della congiuntiva che può rendere la terza palpebra più visibile a causa dell’irritazione e del gonfiore. La congiuntivite può essere provocata da allergie, infezioni batteriche o virali, o dalla presenza di corpi estranei nell’occhio.

Sindrome di Haws

La sindrome di Haws si manifesta con la protrusione bilaterale della terza palpebra, spesso senza una causa sottostante evidente. Questa condizione può essere temporanea e risolversi da sola, ma è importante escludere altre cause di infiammazione oculare.

Sindrome di Horner

Questa sindrome neurologica causa una serie di cambiamenti nell’aspetto dell’occhio, inclusa la protrusione della terza palpebra, a seguito di un danno al sistema nervoso simpatico. I sintomi possono includere anche ptosi (abbassamento della palpebra superiore) e miosi (restringimento della pupilla).

Disidratazione

La disidratazione può influenzare la salute oculare, portando alla visibilità della terza palpebra come sintomo di un problema di salute più ampio che richiede intervento.

Problemi all’occhio

Traumi, ferite, infezioni o la presenza di corpi estranei possono causare l’infiammazione o il prolasso della terza palpebra, richiedendo spesso un trattamento immediato per prevenire danni maggiori.

Soggetti anziani

Nei cani più anziani, la visibilità della terza palpebra può essere un segno di declino generale della salute oculare o di altre condizioni legate all’età, come la riduzione della tensione oculare o problemi sistemici.

 

Sintomi della terza palpebra

Quando la terza palpebra di un cane diventa visibile o mostra segni di infiammazione, può essere accompagnata da una serie di sintomi che indicano un disagio o una condizione sottostante che necessita di attenzione veterinaria.

Ferite

Le ferite o i traumi all’occhio possono causare la sporgenza o l’infiammazione della terza palpebra. I cani attivi o quelli che trascorrono molto tempo all’aperto sono particolarmente a rischio. I segni da monitorare includono arrossamento, gonfiore o la presenza di graffi sulla superficie oculare.

Neoplasie

Anche se meno comuni, le neoplasie (tumori) possono influenzare la terza palpebra, causandone la protrusione o l’infiammazione. Questo sintomo può essere un segnale di allarme per condizioni più gravi che richiedono un’indagine veterinaria approfondita e, potenzialmente, un trattamento chirurgico. Oltre a questi sintomi specifici, i proprietari di cani possono notare altri segnali di disagio oculare, come:

  • Aumento della lacrimazione o presenza di secrezioni oculari anomale.
  • Frequente sfregamento o graffiamento dell’occhio contro oggetti o con le zampe.
  • Cambiamenti nel comportamento, come una ridotta propensione al gioco o all’esplorazione, che possono indicare dolore o fastidio.

La presenza di uno o più di questi sintomi richiede una valutazione veterinaria per determinare la causa sottostante e per formulare un piano di trattamento adeguato. La tempestività nella ricerca di cure veterinarie può fare una significativa differenza nel risultato per la salute oculare del cane.

CONSIGLI

  • Controlli regolari: Porta il tuo cane per controlli oculari regolari presso il veterinario. Questi esami possono aiutare a identificare precocemente eventuali problemi, consentendo un trattamento tempestivo.
  • Pulizia degli occhi: Mantieni gli occhi del tuo cane puliti, rimuovendo delicatamente eventuali secrezioni con un panno morbido e umido. Assicurati di usare un panno diverso per ogni occhio per evitare la trasmissione di infezioni.
  • Protezione da irritanti: Cerca di proteggere gli occhi del tuo cane da polvere, vento e sostanze chimiche. Durante le passeggiate in zone particolarmente polverose o ventose, potresti considerare l’uso di occhiali protettivi per cani.
  • Attenzione ai sintomi: Sii vigile ai segni di problemi oculari, come arrossamento, lacrimazione eccessiva, sfregamento degli occhi, sensibilità alla luce o cambiamenti nell’aspetto degli occhi. Se noti uno di questi sintomi, consulta il veterinario.
  • Dieta equilibrata: Assicurati che la dieta del tuo cane sia ricca di nutrienti essenziali per la salute degli occhi, come antiossidanti, taurina e acidi grassi Omega-3. Una dieta bilanciata supporta non solo la salute oculare ma il benessere generale del tuo cane.
  • Evitare traumi: Tieni il tuo cane al guinzaglio in aree non recintate per prevenire traumi agli occhi causati da rami, spine o altri oggetti.
  • Consultazione tempestiva: Al primo segno di disagio o problema oculare, consulta immediatamente il veterinario. La diagnosi precoce e il trattamento sono cruciali per prevenire complicazioni a lungo termine.
 

Diagnosi, esami e prognosi

Identificare con precisione la causa dietro la visibilità o l’infiammazione della terza palpebra nel cane è cruciale per stabilire un trattamento efficace. La diagnosi inizia con un esame fisico completo da parte del veterinario, che spesso include un’attenta valutazione degli occhi del cane.

Diagnosi

Il veterinario potrebbe utilizzare una luce speciale per esaminare la terza palpebra e le strutture adiacenti dell’occhio per identificare eventuali anomalie. Questo esame iniziale aiuta a determinare se la causa è superficiale, come una ferita o un’infezione, o se ci sono indicazioni di problemi più profondi.

Esami

A seconda dei sintomi osservati, possono essere necessari ulteriori test, tra cui:

  • Test di Schirmer: per misurare la produzione di lacrime e valutare se la terza palpebra contribuisce adeguatamente all’umidità dell’occhio.
  • Fluoresceina: un colorante che evidenzia graffi, ulcere o altre lesioni sulla superficie dell’occhio.
  • Biopsia: in casi sospetti di tumori o altre masse, per determinare la natura del tessuto.

Prognosi

La prognosi dipende significativamente dalla causa sottostante e dalla rapidità con cui si inizia il trattamento. Molti problemi associati alla terza palpebra, come le infezioni o le lievi infiammazioni, hanno un esito positivo con cure appropriate. Tuttavia, condizioni più gravi, come i tumori o le sindromi neurologiche, richiedono un approccio più complesso e possono avere una prognosi variabile.

terza palpebra nel cane cura e prevenzione

Identificare con precisione la causa dietro la visibilità o l’infiammazione è cruciale per stabilire una cura e un trattamento efficace.

 

Cura e prevenzione

Dopo aver stabilito una diagnosi precisa per i problemi relativi alla terza palpebra nel cane, è fondamentale adottare un approccio mirato per il trattamento. Allo stesso tempo, esistono strategie preventive che possono aiutare a minimizzare il rischio di future complicazioni.

Terapie

  • Trattamenti medici: Per condizioni meno gravi, come la congiuntivite o l’infiammazione lieve, il trattamento può includere l’applicazione di colliri antibiotici o anti-infiammatori. Questi aiutano a combattere l’infezione e a ridurre l’infiammazione, promuovendo la guarigione.
  • Interventi chirurgici: Nei casi di prolasso della terza palpebra o di presenza di tumori, può essere necessario un intervento chirurgico per ripristinare la normale posizione della palpebra o rimuovere le masse. La chirurgia mira a correggere la causa sottostante, preservando la salute e la funzionalità dell’occhio.

Prevenzione

  • Controlli veterinari regolari: La prevenzione inizia con esami oculari periodici durante le visite veterinarie di routine. Questi controlli possono rivelare precocemente segni di problemi alla terza palpebra o ad altre parti dell’occhio.
  • Protezione dell’ambiente: Mantenere un ambiente sicuro per il cane, limitando l’esposizione a sostanze irritanti o oggetti che potrebbero causare lesioni oculari, è essenziale.
  • Nutrizione adeguata: Una dieta bilanciata, arricchita con vitamine e minerali, supporta la salute generale e quella degli occhi. Nutrienti come la vitamina A e la taurina sono particolarmente importanti per la salute oculare.

Implementare queste pratiche non solo aiuta a trattare i problemi esistenti della terza palpebra ma può anche ridurre significativamente il rischio di sviluppare nuove condizioni. La collaborazione tra il proprietario e il veterinario è cruciale per garantire che il cane riceva le cure adeguate e per mantenere la sua salute oculare nel tempo.

 

 

Alimentazione

L’alimentazione svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento della salute oculare del cane, con particolare attenzione ai nutrienti che supportano una visione ottimale e prevengono problemi agli occhi. Una dieta equilibrata, arricchita con specifici nutrienti essenziali, può contribuire significativamente al benessere visivo del tuo amico a quattro zampe.

Nutrienti essenziali per gli occhi del cane

  • Taurina: Questo aminoacido è vitale per la salute degli occhi dei cani. Una carenza di taurina può portare a problemi di vista seri, incluso il deterioramento della retina. La taurina si trova principalmente in fonti di proteine animali come carne, pesce e cuore di pollo.
  • Vitamina A: Essenziale per la funzione visiva, la vitamina A supporta la salute della retina e aiuta nella visione notturna. I cani possono convertire alcuni carotenoidi (trovati nelle verdure) in vitamina A, ma fonti dirette come fegato, uova e alimenti commerciali fortificati sono più efficaci.
  • Acidi Grassi Omega-3: Gli Omega-3, particolarmente l’EPA e il DHA, hanno proprietà anti-infiammatorie che possono proteggere contro malattie oculari come la degenerazione maculare e la secchezza oculare. Sono presenti in abbondanza nel pesce grasso come il salmone e possono essere integrati nella dieta attraverso olio di pesce o specifici integratori.
  • Antiossidanti: Vitamine C ed E, oltre a minerali come lo zinco e il selenio, agiscono come antiossidanti che proteggono gli occhi dai danni dei radicali liberi. Questi nutrienti supportano la salute generale dell’occhio e possono essere trovati in frutta, verdura e alcuni alimenti commerciali per cani.

Implementazione nella Dieta

Per assicurare che il tuo cane riceva tutti i nutrienti essenziali per la salute degli occhi, considera i seguenti suggerimenti:

  • Alimenti commerciali bilanciati: Scegli cibi commerciali per cani formulati per essere completi e bilanciati, preferibilmente quelli che indicano il supporto alla salute oculare tra i loro benefici.
  • Integrazione mirata: Se necessario, integrare la dieta del tuo cane con specifici supplementi di taurina, omega-3, o antiossidanti, sempre dopo aver consultato il veterinario.
  • Dieta variata: Includi nella dieta del tuo cane una varietà di fonti proteiche animali, verdure ricche di antiossidanti e grassi sani per garantire un apporto equilibrato di tutti i nutrienti essenziali.
  • Controllo veterinario: Discuti con il veterinario la dieta del tuo cane durante le visite di controllo per assicurarti che le sue esigenze nutrizionali siano pienamente soddisfatte, specialmente se ha esigenze specifiche legate alla salute degli occhi.

Una dieta ben pianificata, arricchita con i giusti nutrienti, può fare una grande differenza nella prevenzione dei problemi oculari e nel supporto alla salute visiva del tuo cane nel lungo termine.

 

Consiglio del veterinario

Per garantire la salute oculare del tuo cane, è essenziale adottare misure preventive e mantenere una vigilanza costante sui possibili segni di disturbo. Controlli veterinari periodici sono fondamentali, poiché permettono di rilevare precocemente eventuali anomalie oculari, facilitando interventi tempestivi che possono prevenire complicazioni serie. È importante pulire regolarmente gli occhi del tuo animale con un panno umido, utilizzando tecniche delicate per evitare irritazioni, e proteggere gli occhi da irritanti ambientali come polvere e vento, specialmente in condizioni atmosferiche avverse o durante attività all’aperto che potrebbero esporre il cane a rischi aggiuntivi.

Una dieta ben bilanciata, ricca di nutrienti chiave come taurina, acidi grassi Omega-3 e antiossidanti, supporta non solo la salute degli occhi ma anche il benessere generale del cane. Integrare la dieta con alimenti o supplementi specifici che promuovono la salute oculare può offrire una protezione aggiuntiva contro le malattie degli occhi. Inoltre, è cruciale monitorare il comportamento del tuo cane per individuare segni di disagio o problemi agli occhi, come sfregamento eccessivo, lacrimazione o sensibilità alla luce, e consultare immediatamente un veterinario al loro manifestarsi. Prendendo queste precauzioni, puoi contribuire significativamente a mantenere gli occhi del tuo cane sani e prevenire problemi futuri.

doctorvet-cartella-clinica-veterinaria-gratuita

 CARTELLA CLINICA VETERINARIA

La cartella clinica consente di registrare e aggiornare informazioni importanti sulla salute del proprio animale, tra cui vaccinazioni, trattamenti periodici, diagnosi, prescrizioni, esami, referti e note cliniche. Attiva i promemoria per una gestione più facile ed efficace

 Il veterinario può aggiornare la cartella clinica con nuove informazioni, prescrizioni o terapie, analisi, esami e referrti,  consentendo una migliore gestione della salute dell’animale, anche tramite i pratici promemoria.

Scopri My.Doctorvet

FAQ: Domande e risposte sulla terza palpebra del cane

 

Quando preoccuparsi della terza palpebra?

Preoccuparsi della terza palpebra è opportuno quando diventa visibile senza motivo apparente, si infiamma, o si accompagna ad altri segni come arrossamento, secrezioni oculari, o cambiamenti nel comportamento del cane. Questi sintomi possono indicare condizioni sottostanti che richiedono attenzione veterinaria.

Come curare la terza palpebra del cane?

La cura varia in base alla causa, includendo colliri per infezioni o infiammazioni e, per il prolasso, può essere necessaria la chirurgia. Consultare un veterinario per una diagnosi e trattamento adeguati è essenziale.

Quanto costa l’operazione per il prolasso della terza palpebra?

Il costo varia in base alla località e alla clinica, da centinaia a oltre mille euro. È consigliabile ottenere un preventivo specifico dal proprio veterinario.

Cosa fare se il cane ha la terza palpebra?

Osservare altri sintomi e consultare un veterinario per un esame approfondito. Evitare l’automedicazione e seguire le indicazioni professionali.

Quanto tempo dura la terza palpebra cane?

La durata dipende dalla causa. Alcune condizioni si risolvono in poche settimane, altre richiedono trattamenti specifici. Consultare un veterinario per stime accurate.

A cosa serve la terza palpebra?

Protegge l’occhio da detriti e infezioni, contribuendo alla produzione di lacrime. Mantenendo la superficie oculare pulita e umida, svolge un ruolo importante nella salute oculare del cane.

doctor vet cartella clinica veterinaria

  • Il team di Doctorvet scrive e approfondisce le tematiche più sensibili e più importanti per aiutare i padroni e i proprietari di animali ad affrontare, insieme al veterinario, gli eventuali problemi di salute dei nostri pet.
  • Tutti gli articoli di Doctorvet sono revisionati da medici veterinari per assicurare un’ altissima qualità delle informazioni e combattere la mala informazione online, soprattutto in ambito medico-veterinario. 

Team di DoctorVet

Condividi l'articolo su: