Batteri, parassiti e virus dei gatti

da | Feb 2, 2020 | Dermatite, Gatto, Malattie | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso

Questo è un approfondimento sulle malattie più comuni causate da batteri, parassiti e virus dei gatti. Ovviamente, ci auguriamo che il tuo micio goda di piena salute per tutta la sua vita ma, come sempre, l’informazione è importante.

Campilobatteriosi (Campylobacter)

I Campylobacter sono batteri che possono far ammalare sia le persone che gli animali di una malattia chiamata campilobatteriosi.

COME SI DIFFONDE: le persone sviluppano l’infezione da Campylobacter entrando in contatto con le feci (cacca) di animali infetti (compresi i gatti) o consumando cibo o acqua contaminati. In genere, il Campylobacter si diffonde quando le persone non si lavano le mani dopo aver toccato animali, cibo, cacca, giocattoli o letti contaminati ma a volte può infettare anche attraverso una ferita aperta. I gatti vengono comunemente infettati mangiando carne cruda contaminata e liberano i batteri con la loro cacca.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può sviluppare un’infezione da Campylobacter ma i bambini di età inferiore ai 5 anni, gli adulti di età superiore ai 65 anni e le persone con sistema immunitario indebolito sono maggiormente a rischio di sviluppare malattie gravi.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti possono sembrare sani e non mostrare segni di infezione da Campylobacter o possono avere diarrea con presenza di sangue.

SINTOMI NELLE PERSONE: le persone possono avere diarrea (spesso con sangue), febbre e crampi allo stomaco. La diarrea può essere accompagnata da nausea e vomito. I sintomi di solito iniziano entro 2-5 giorni dopo l’infezione e durano circa 1 settimana.

Malattia da graffio (Bartonella henselae)

La malattia da graffio di gatto è un’infezione causata dai batteri Bartonella henselae e, meno comunemente, da altre specie di Bartonella.

COME SI DIFFONDE: i gatti vengono infettati da punture di pulci, a seguito di combattimenti con altri gatti infetti o attraverso trasfusioni di sangue. Le persone possono essere esposte ai batteri attraverso il graffio o la leccata di un gatto infetto.

CHI E’ A RISCHIO: i gatti giovani (meno di 1 anno di età), i randagi o i gatti che vivono in rifugi, i gatti infestati dalle pulci (anche se il problema viene risolto) e i gatti che cacciano hanno più probabilità di avere i batteri. Qualsiasi persona può ammalarsi della malattia da graffio di gatto ma la patologia è più comune nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 15 anni e nelle persone con sistema immunitario indebolito.

SINTOMI NEI GATTI E NEI CANI: circa un terzo dei gatti sono esposti ai batteri ad un certo punto della loro vita. Sebbene la maggior parte dei gatti infetti non appaia malata, alcuni gatti possono sviluppare la malattia in forma lieve con febbre che dura circa 2-3 giorni. Raramente, la malattia può causare sintomi più gravi nei gatti come ad esempio vomito, occhi rossi, linfonodi ingrossati, stanchezza e/o scarso appetito. L’infezione da Bartonella nei cani è meno comune ma ha maggiori probabilità di causare malattie rispetto ai gatti.

SINTOMI NELLE PERSONE: i batteri della Bartonella possono causare un’infezione di lieve entità che provoca un bozzo piccolo, rialzato, solido sul sito del graffio e l’ingrossamento dei linfonodi vicini. Ciò si verifica in 1-3 settimane dopo l’esposizione (ad esempio un graffio o una leccata di gatto). L’infezione può anche causare febbre e meno comunemente infezione agli occhi, dolore muscolare o sintomi più gravi.

Verme solitario o tenia del gatto (Dipylidium caninum)

La tenia del gatto è un parassita che si trasmette a cani, gatti e persone attraverso l’ingestione di pulci infette. Questo parassita è comune nei gatti ma raramente provoca malattie negli animali domestici o nelle persone.

COME SI DIFFONDE: la tenia si diffonde se un gatto o una persona ingerisce una pulce infetta. I gatti possono ingoiare le pulci quando si auto puliscono. Trattare gli animali domestici per le pulci può aiutare a prevenire l’infezione.

CHI E’ A RISCHIO: il rischio che la tenia venga trasmessa ad una persona è estremamente basso perché è necessario ingerire una pulce per essere infettati. La maggior parte dei casi si verifica nei bambini.

SINTOMI NEI GATTI E NEI CANI: i parassiti della tenia di solito non sono dannosi per i gatti e non causano malattie. Il parassita a volte può essere individuato trovando segmenti simili al riso che strisciano vicino all’ano o nelle feci fresche (cacca). Se un cane è gravemente infetto, può perdere peso.

SINTOMI NELLE PERSONE: l’infezione da dipilidio è rara nelle persone e di solito non provoca alcun sintomo. A volte l’infezione può essere rilevata trovando segmenti simili al riso che strisciano vicino all’ano o nella cacca fresca.

Criptosporidiosi (Cryptosporidium)

La criptosporidiosi è una malattia parassitaria causata dal germe Cryptosporidium (o Crypto in breve), che si diffonde inghiottendo accidentalmente la cacca di una persona o di un animale infetto.

COME SI DIFFONDE: il Crypto si diffonde attraverso la deglutizione della cacca contenente il germe, a seguito del contatto con una persona o un animale infetto o attraverso la presenza di cacca in cibo e acqua contaminati. Ad esempio, le persone possono ottenere Crypto dopo aver ingerito acqua da un piscina o da una fontana, dopo aver bevuto acqua non depurata da un lago o da un fiume o se hanno toccato la bocca dopo aver maneggiato un animale infetto.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può essere stato infettato da Crypto ma le persone con sistema immunitario indebolito sono più a rischio, soprattutto per le malattie gravi.

SINTOMI NEI GATTI: il germe Crypto nei gatti è raro ma a volte i gatti possono essere portatori del parassita senza mostrare segni di malattia.

SINTOMI NELLE PERSONE: i sintomi si manifestano con un’abbondante diarrea acquosa accompagnata da crampi, dolore addominale, vomito e nausea. I sintomi si risolvono in genere entro 1-2 settimane.

Giardiasi (Giardia duodenalis)

La Giardia è un parassita che può essere trovato sulle superfici o in acqua, cibo o suolo che è stato contaminato dalla cacca di una persona o di un animale infetto.

COME SI DIFFONDE: la Giardia si diffonde attraverso la deglutizione di quantità invisibili di cacca contenente il parassita, a seguito del contatto con una persona o un animale infetto o bevendo acqua o mangiando cibo contaminato con la cacca di persone o di animali infetti.

CHI E’ A RISCHIO: il rischio di essere infettati dalla Giardia per i gatti è piccolo. Il tipo esatto di Giardia che fa ammalare le persone di solito non è lo stesso che infetta i gatti. A Chiunque può essere trasmessa la Giardia ma i seguenti gruppi hanno un rischio più elevato:

  • Viaggiatori internazionali;
  • Le persone che hanno contatti con i pannolini dei bambini;
  • Le persone che hanno contatti con la cacca durante un rapporto sessuale con qualcuno che è infetto da Giardia;
  • Le persone che bevono acqua non depurata da un fiume, un lago, un ruscello o una sorgente;
  • Le persone che nuotano in stagni o zone umide.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti con Giardia possono avere diarrea, feci unte o disidratazione.

SINTOMI NELLE PERSONE: le persone con Giardia possono manifestare diarrea, gas, fastidio addominale, nausea e vomito. Tuttavia, è possibile essere infetti e non avere segni di malattia.

Anchilostoma (Ancylostoma tubaeforme, Ancylostoma braziliense, Uncinaria stenocephala)

Gli anchilostomi sono piccoli vermi che possono diffondersi attraverso il contatto con terreno o sabbia contaminati.

COME SI DIFFONDE: le persone possono contrarre l’infezione da anchilostoma camminando a piedi nudi, in ginocchio o sedendosi su un terreno contaminato dalla cacca di animali infetti. I gatti possono essere infettati ingerendo il parassita dall’ambiente o attraverso il latte o il colostro della madre.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può contrarre un’infezione da anchilostoma.

SINTOMI NEI GATTI: nei gattini, l’anchilostoma può causare anemia e perdita di peso e infezioni gravi possono essere fatali.

SINTOMI NELLE PERSONE: le persone con infezione da anchilostoma possono manifestare una reazione pruriginosa e può apparire una linea rossa ondulata in cui le larve di parassiti migrano sotto la pelle. A differenza degli anchilostomi umani, gli anchilostomi animali non sopravvivono in una persona infetta quindi i sintomi in genere si risolvono entro 4-6 settimane senza trattamento medico.

MRSA (Staphylococcus aureus resistente alla meticillina)

Lo Staphylococcus aureus è un tipo comune di batterio che si trova normalmente sulla pelle di persone e animali. La MRSA è causata da batteri di Staphylococcus aureus diventati resistenti ad alcuni antibiotici. La MRSA può causare una varietà di infezioni, tra cui infezioni della pelle, polmonite (infezione polmonare) e altri problemi.

COME SI DIFFONDE: la MRSA può diffondersi tra persone e animali attraverso il contatto diretto (toccando). Anche i gatti che non sono malati possono essere portatori di Staphylococcus aureus e trasmetterlo alle persone.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può contrarre un’infezione da MRSA.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti spesso non mostrano segni di infezione da MRSA ma in alcuni casi possono manifestare infezioni della pelle, delle vie respiratorie e del tratto urinario.

SINTOMI NELLE PERSONE: la maggior parte delle persone con MRSA non manifesterà alcun sintomo. Per le persone che sviluppano un’infezione da MRSA, il tipo più comune è un’infezione della pelle. Se non trattato, la MRSA raramente può diffondersi ai polmoni o al flusso sanguigno e diventare potenzialmente letale.

Peste (Yersinia pestis)

La peste è causata dai batteri Yersinia pestis, che possono causare malattie sia nelle persone che negli animali. Anche le pulci possono trasmettere i batteri ai roditori e ad altri piccoli animali. Le persone e gli animali domestici (cani, gatti) sono a rischio quando vengono morsi da pulci infette. Cani e gatti possono ammalarsi di peste e trasmettere l’infezione anche nell’uomo.

COME SI DIFFONDE: le persone e gli animali sono più comunemente infettati se soggetti a punture di pulci ma anche toccare animali infetti da peste può causare la malattia. Le persone possono anche essere infettate inalando goccioline infettive che un gatto malato ha tossito nell’aria.

CHI E’ A RISCHIO: le persone che vivono o viaggiano in alcune zone specifiche, le persone che sono a contatto con gli animali (ad esempio, dormire con animali domestici) e i cacciatori possono essere a rischio.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti sono particolarmente a rischio di peste. I gatti con la peste possono avere febbre, scarso appetito, bassa energia e linfonodi ingrossati sul collo che a volte possono sembrare una ferita. I gatti possono sviluppare polmonite da peste e possono tossire o avere difficoltà a respirare. I proprietari dovrebbero ridurre al minimo il contatto con animali domestici malati e cercare cure veterinarie il prima possibile per ridurre il rischio di ammalarsi.

SINTOMI NELLE PERSONE: la peste bubbonica è la forma più comune nelle persone. I sintomi della peste bubbonica comprendono linfonodi doloranti e gonfi, insorgenza improvvisa di febbre alta, brividi, mal di testa e debolezza. Altre forme di peste, compresa la peste setticemica e la polmonite da peste, possono causare sintomi più gravi.

Rabbia

La rabbia è una malattia neurologica mortale causata da un virus che si diffonde principalmente attraverso i morsi di animali infetti. I proprietari di gatti dovrebbero vaccinarsi contro la rabbia.

COME SI DIFFONDE: la rabbia si diffonde attraverso il contatto con la saliva o il tessuto del cervello/del sistema nervoso di un animale infetto, di solito attraverso graffi o morsi.

CHI E’ A RISCHIO: la rabbia è rara grazie ai programmi di controllo e vaccinazione degli animali ma la malattia si riscontra ancora negli animali selvatici come pipistrelli, volpi, procioni e puzzole. Tu o il tuo animale domestico potreste essere a rischio di rabbia se venite a contatto con un animale infetto.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti con rabbia spesso manifestano improvvisi cambiamenti comportamentali e progressiva paralisi. Possono anche essere irrequieti, ansimare o attaccare altri animali, persone o oggetti. Gli animali con rabbia in genere muoiono entro pochi giorni dall’inizio dei sintomi.

SINTOMI NELLE PERSONE: i sintomi della rabbia nelle persone possono comparire giorni o mesi dopo l’esposizione. Quando compaiono i sintomi, è quasi sempre troppo tardi per il trattamento quindi se sei stato morso da un gatto o da un altro animale, dovresti lavare immediatamente la ferita e consultare immediatamente un medico.

Tigna

La tigna è un’infezione causata da funghi che possono infettare la pelle, i capelli o le unghie di persone e animali.

COME SI DIFFONDE: la tigna si diffonde attraverso il contatto diretto con un animale o una persona infetta (toccando) o dall’ambiente.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può contrarre la tigna.

SINTOMI NEI GATTI: alcuni gatti potrebbero non mostrare segni di infezione da tigna mentre in altri si verifica una perdita di pelo intorno alle orecchie, al viso o alle zampre posteriori con pelle squamosa o secca. I gattini sono più comunemente colpiti.

SINTOMI NELLE PERSONE: le infezioni da tigna nelle persone sono generalmente pruriginose e possono comparire in quasi tutte le parti del corpo. Possono verificarsi arrossamenti, desquamazione, screpolature della pelle o eruzioni cutanee a forma di anello. Se l’infezione si trova sul cuoio capelluto o sulla barba, i capelli o i peli potrebbero cadere. Le unghie infette possono diventare scolorite, spesse o sgretolarsi.

I nematodi (Toxocara)

Il nematode è un parassita che può causare un’infezione chiamata toxocariasi. I nematodi si trovano comunemente nell’intestino dei gatti.

COME SI DIFFONDE: i gatti riversano le uova di nematode nella loro cacca. A persone e gatti possono essere trasmessi i nematodi tramite l’ingestione delle loro uova dall’ambiente, ingerendo ad esempio lo sporco contaminato da cacca di gatto.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può essere infettato da nematodi.

SINTOMI NEI GATTI: i gattini in genere non sembrano malati ma quelli che manifestano i sintomi potrebbero avere lieve diarrea, disidratazione, un pelo ruvido e un aspetto panciuto.

SINTOMI NELLE PERSONE: ci sono due tipi di malattie causate dai nematodi nelle persone. La toxocariasi oculare si verifica quando le larve di ascaridi migrano verso l’occhio e può causare perdita della vista, infiammazione degli occhi o danni alla retina. In genere, è interessato solo un occhio. La toxocariasi viscerale si verifica quando le larve di ascaridi migrano verso vari organi del corpo (come fegato, polmoni o sistema nervoso centrale) e possono causare febbre, affaticamento, tosse o respiro sibilante o dolore addominale.

Salmonellosi (Salmonella)

La salmonellosi è causata dai batteri della Salmonella, che si trasmettono attraverso alimenti contaminati, tramite gli animali (compresi i gatti) alle persone e dalle persone alle persone.

COME SI DIFFONDE: le persone possono essere infettate mangiando cibo contaminato o attraverso il contatto con la cacca degli animali. I gatti possono essere infettati dalla Salmonella mangiando uccelli infetti, roditori o alimenti per animali domestici contaminati, in particolare alimenti per animali domestici crudi.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può contrarre un’infezione da Salmonella ma i bambini di età inferiore ai 5 anni, gli adulti di età pari o superiore a 65 anni e le persone con sistema immunitario indebolito sono maggiormente a rischio di malattie gravi.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti adulti in genere non mostrano segni di infezione. I gattini infetti possono avere la diarrea.

SINTOMI NELLE PERSONE: le persone possono manifestare diarrea, febbre e crampi addominali. I sintomi di solito iniziano entro 6 ore – 4 giorni dopo l’infezione e durano 4-7 giorni.

Sporotrichosi (Sporothrix)

La sporotricosi è un’infezione causata da funghi che si trovano nell’ambiente.

COME SI DIFFONDE: il fungo si diffonde in genere dall’ambiente attraverso un taglio o un graffio sulla pelle ma è stato anche associato a graffi o morsi degli animali, in particolare dei gatti.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può avere la sporotricosi ma le persone che maneggiano materiale vegetale (come muschio, rose o fieno) o che entrano in contatto con animali infetti sono particolarmente a rischio. Le persone con sistema immunitario indebolito hanno un rischio maggiore di infezione, in particolare per le infezioni diffuse.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti con sporotricosi possono non avere segni di malattia o sviluppare una malattia grave. I sintomi spesso iniziano con piccole ferite sanguinanti che diventano bozzi rialzati sulla superficie infetta. La malattia può quindi peggiorare.

SINTOMI NELLE PERSONE: i sintomi della sporotricosi dipendono da dove sta crescendo il fungo. Si distinguono le seguenti tipologie:

  • Forma cutanea (pelle): inizia con un piccolo bozzo indolore che si manifesta circa 1-12 settimane dopo l’esposizione. Il bozzo può essere rosso, rosa o viola e diventare più grande per sembrare infine una ferita aperta o un’ulcera molto lenta a guarire. Ulteriori bozzi possono apparire vicino al primo;
  • Forma disseminata: in questa forma, l’infezione colpisce gli organi interni e le ossa;
  • Forma polmonare: i sintomi comprendono tosse, respiro corto, dolore toracico e febbre.Le forme disseminate e polmonari possono essere molto serie e talvolta mortali.

Malattie causate dalle zecche

Gli animali domestici sono a rischio di malattie causate da infezioni da zecche, tra cui la malattia di Lyme, la tularemia, l’ehrlichiosi, la babesiosi e altre. I proprietari di animali domestici devono consultare un veterinario in merito ai prodotti con cui trattare i loro animali per prevenire le zecche. Il trattamento degli animali domestici per le zecche può ridurre il rischio di malattie trasmesse da zecche per voi e per i vostri animali domestici.

COME SI DIFFONDE: i germi si diffondono attraverso il morso di una zecca infetta. Durante il processo di alimentazione, piccole quantità di saliva passano dalla zecca nella pelle dell’animale o della persona.

CHI E’ A RISCHIO: le persone e gli animali domestici che trascorrono del tempo nell’habitat ideale per le zecche (aree erbose, boscose o pennellate) sono a rischio. I gatti possono avere zecche dentro e intorno alle orecchie, intorno alle palpebre, sotto il colletto, sotto le zampe anteriori, tra le zampe posteriori, tra le dita dei piedi o intorno alla coda. Rimuovere prontamente le zecche dagli animali domestici per ridurre il rischio di malattia.

SINTOMI NEGLI ANIMALI DOMESTICI: i segni della malattia negli animali domestici possono variare a seconda del tipo di infezione o potrebbero non mostrare alcun segno di malattia.

SINTOMI NELLE PERSONE: i sintomi delle malattie trasmesse da zecche nelle persone possono variare ma di solito comprendono febbre, brividi, dolori muscolari e talvolta eruzioni cutanee. Alcune malattie trasmesse da zecche possono essere molto gravi e persino mortali. Consultare il medico se sei è stati nell’habitat delle zecche o si è stati morso da una zecca e si sviluppa uno di questi sintomi.

Toxoplasmosi (Toxoplasma gondii)

La toxoplasmosi è una malattia causata da un parassita presente nel suolo, nell’acqua, nella carne o nella cacca di un animale infetto, in particolare in quella dei gatti.

COME SI DIFFONDE: le persone possono contrarre la toxoplasmosi attraverso il contatto con la cacca di gatto o mangiando carne cruda o crostacei. I gatti vengono infettati mangiando roditori, uccelli o altri piccoli animali infetti. Il parassita quindi si diffonde nelle feci del gatto, contaminando l’ambiente o la lettiera del gatto. Le persone possono essere infettate consumando cibo o acqua contaminati. Le persone possono anche essere infettate se non si lavano le mani dopo aver pulito la lettiera di un gatto o dopo aver maneggiato qualsiasi cosa contaminata dalla cacca di gatto.

CHI E’ A RISCHIO: chiunque può avere la toxoplasmosi ma le persone con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di sviluppare una malattia grave. Le donne in gravidanza infette dal parassita possono trasmettere l’infezione al loro bambino non ancora nato, che può provocare difetti alla nascita.

SINTOMI NEI GATTI: i gatti con toxoplasmosi raramente appaiono malati ma possono liberare il parassita nelle feci fino a 3 settimane dopo l’infezione.

SINTOMI NELLE PERSONE: la maggior parte delle persone sane con toxoplasmosi non presenta sintomi ma alcuni possono presentare lievi sintomi simil-influenzali o, raramente, sviluppare malattie agli occhi. Le persone con sistema immunitario indebolito possono avere complicazioni più gravi di toxoplasmosi, tra cui vi sono alcune patologie cerebrali. Le donne in gravidanza che potrebbero essere state esposte dovrebbero parlare con il proprio medico a causa del rischio di difetti alla nascita.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CARTELLA CLINICA
VETERINARIA

Tenere sotto controllo la salute del tuo animale non dovrebbe essere complicato. 

Sii un padrone diligente e scarica l’app gratuitamente