Cardiopatia (cardiomiopatia ipertrofica) nei cani

da | Ott 4, 2019 | Cane, Pronto Soccorso | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Disabilità
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso
Uncategorized

La cardiomiopatia ipertrofica è una forma di malattia del muscolo cardiaco nei cani che si verifica raramente nei cani. Si caratterizza per l’ispessimento delle pareti del cuore, che causa il pompaggio di una quantità inadeguata di sangue nel corpo quando il cuore si contrae durante la fase sistolica (spingendo il sangue fuori nelle arterie). Quando il cuore, invece, si rilassa contraendosi durante la fase diastolica (prelevando il sangue dai vasi), accade che le camere del cuore siano riempite da una quantità insufficiente di sangue. Alla fine, la cardiomiopatia ipertrofica spesso porta a insufficienza cardiaca congestizia.

Questa malattia, sebbene estremamente rara per i cani, di solito colpisce giovani cani maschi di età inferiore a tre anni. Si riscontra, invece, una maggiore incidenza della malattia nei Boston Terrier maturi.

Sintomi e tipi

La maggior parte dei cani con cardiomiopatia ipertrofica non presenta alcun sintomo della malattia. Quando il cane è sintomatico, mostra segni di insufficienza cardiaca congestizia. Questi sintomi includono intolleranza all’esercizio fisico, mancanza di respiro, tosse e scolorimento bluastro della pelle. Molto raramente un cane con cardiomiopatia ipertrofica può essere soggetto a una perdita temporanea di coscienza o a svenimento durante un alto livello di attività o esercizio. Durante un esame veterinario fisico, ad un cane con cardiomiopatia ipertrofica si possono riscontrate soffio cardiaco sistolico e galoppo cardiaco. Sfortunatamente, nella maggior parte dei casi, il segno clinico più comunemente riportato di cardiomiopatia ipertrofica è l’insufficienza cardiaca improvvisa e fatale.

Le cause

La causa della cardiomiopatia ipertrofica nei cani è in gran parte sconosciuta. Sebbene siano state rilevate alcune anomalie genetiche nella codifica dei geni di determinate proteine ​​nell’uomo e nei gatti con la malattia, non esistono prove del genere per cani.

Diagnosi

La diagnosi di cardiomiopatia ipertrofica attraverso test medici è relativamente difficile e sono necessarie una serie di procedure. I risultati radiografici possono o restituire risultati normali del settore ventricolare sinistro e dell’atrio o mostrarne un allargamento. Se un cane con cardiomiopatia ipertrofica ha un‘insufficienza cardiaca congestizia sul lato sinistro, si verificherà un accumulo di liquido nei polmoni. Un elettrocardiogramma (ECG) in genere rivelerà risultati normali ma a volte può mostrare anomalie nei segmenti ST e nelle onde T. Anche le misurazioni della pressione sanguigna restituiranno normalmente risultati normali. Per confermare una diagnosi di cardiomiopatia ipertrofica, è necessario effettuare un’ecografia del cuore. Nei cani con cardiomiopatia ipertrofica grave, l’ecocardiografo rivela pareti ventricolari sinistre ispessite, ingrossamento del muscolo papillare e atrio sinistro allargato.

Trattamento

Il trattamento per cardiomiopatia ipertrofica è normalmente consigliato solo se il cane manifesta insufficienza cardiaca congestizia, aritmie gravi (ritmo cardiaco anomalo) o frequente perdita di conoscenza. Se il cane ha insufficienza cardiaca congestizia sul lato sinistro, verranno generalmente somministrati diuretici e ACE-inibitori. Nei cani con aritmie, i beta-bloccanti adrenergici o i calcio-antagonisti sono usati per migliorare l’ossigenazione del cuore e per abbassare la frequenza cardiaca. I cani che non soffrono di insufficienza cardiaca congestizia a causa della cardiomiopatia ipertrofica possono di solito essere trattati in regime ambulatoriale e la limitazione dell’esercizio fisico e associato ad una dieta a basso contenuto di sodio faranno parte del trattamento.

Vita e gestione

Il trattamento di follow-up per la cardiomiopatia ipertrofica dipenderà in gran parte dalla gravità dei sintomi. Saranno necessarie ripetute immagini radiografiche ed ecocardiografiche per monitorare l’efficacia della terapia, controllare l’avanzamento della malattia e verificare se sono necessari adeguamenti dei farmaci. Poiché la cardiomiopatia ipertrofica è molto rara nei cani, sono disponibili pochi dati sulla prognosi. Se il cane sviluppa un’insufficienza cardiaca congestizia causata da cardiomiopatia ipertrofica, la prognosi sarà generalmente scarsa. La sopravvivenza dipenderà in gran parte dall’entità della malattia. Il veterinario sarà in grado di dare i giusti consigli in merito alle possibilità di sopravvivenza del cane e sulle pratiche da mettere in atto per migliorare la qualità della vita.

Condividi l'articolo su:

Iscrivi e tieni sotto controllo lo stato di salute del tuo animale.

Gestire la salute del tuo animale non dovrebbe essere compliato

L’obiettivo è fornirti un valido strumento così da poter mantenere alta la qualità della vita del tuo migliore amico.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *