Cos’è la Dermatite da Malassezia

da | Gen 2, 2020 | Cane, Dermatite, Gatto, Malattie | 4 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso

La malassezia nel cane e nel gatto provoca un prurito viscerale e convulso. Questo prurito può essere cosi intenso che può generare delle escoriazioni o delle abrasioni dove i lieviti possono annidarsi e creare altre colonie di funghi. La patologie è chiaramente curabile, e l’origine è molto spesso proviene da problemi alimentari. Una breve galleria per poter riconoscere la dermatite da malassezia. Ricordiamo che la dermatite può generare il suo primo focolaio in tutto il corpo, orecchie, muso, zampe e polpastrelli. Visitate attentamente il vostro cane:

Cos’è la Dermatite da Malassezia?

Malassezia nel cane

La dermatite da Malassezia (Malassezia pachydermatis) è una malattia sostenuta da lieviti (funghi) che sono presenti in condizioni normali sulla cute del cane e del gatto, in basso numero. I lieviti possono moltiplicarsi e provocare la malattia, che si osserva più frequentemente in animali con altre malattie dermatologiche oppure malattie allergiche. È piuttosto frequente nel cane e rara nel gatto.

Essenzialmente il lievito di Malassezia, si trova in equilibrio con i batteri epiteliali fin dalla nascita del cucciolo (la Malassezia si trasmette durante il parto) e può rimanere in tale stato latenteper tutta la vita del cane e del gatto. Nei soggetti sani questo microorganismo si trova presente su tutta la cute ma in particolare nel condotto uditivo, nello spazio interdigitale (tra le zampe), sotto le ascelle, sulle mucose, sull’inguine, intorno alla bocca ed all’ano.

In altri soggetti invece la malattia si può manifestare per questi motivi:

  • allergie alimentari
  • patologie endocrine
  • patologie immunitarie
  • trattamenti prolungati con antibiotici o altri farmaci

 

Dermatite da Malassezia al cane e al gatto

Per predisposizioni genetiche. Alcune razze di cani e gatti sono predisposti alla proliferazione dei funghi e del lievito Malassezia. Geneticamente il cane sembra soffrire molto di più rispetto al gatto di questa patologica dermatologica

  • Bulldog
  • Cane Corso
  • Maltese
  • Barboncino
  • Golden Retriever
  • Cocker Spaniel

Sintomi della dermatite da Malassezia

Gli animali con dermatite da Malassezia manifestano prurito intenso ed emanano un cattivo odore. Le lesioni cutanee sono eritema (arrossamento della pelle), esfoliazione (forfora) e aspetto untuoso delle zone interessate. Nei casi cronici si possono osservare anche ispessimento e colore scuro della pelle.

Otite da malassezia

La malattia è spesso associata ad otite esterna e possono essere colpite anche le unghie: in questo caso si osserva un materiale untuoso di colore scuro alla base delle unghie. Nel gatto, la dermatite da Malassezia può essere osservata in presenza di allergie o gravi malattie sistemiche virali o neoplastiche.

Il sintomo principale è il prurito. Se si nota che il Pet si gratta o rosicchia sovente le zampe, tiene le orecchie abbassate manifesta rossori nelle zone inguinali o sotto le ascelle, è bene fare una breve ispezione del tessuto in questione. La dermatite ha sintomi piuttosto definiti:

  • eritema
  • desquamazione
  • seborrea
  • caratteristico odore rancido

Come Identificare la Malassezia

L’esame citologico è solitamente sufficiente per la diagnosi grazie alla facilità di identificazione dei lieviti, a forma di arachide. Negli animali con dermatite da Malassezia ricorrente è necessario approfondire le indagini diagnostiche per identificare la malattia concomitante che predispone alla moltiplicazione incontrollata dei lieviti.

L’otite da Malassezia può essere trattata con prodotti ad uso topico a base di antimicotici. Quasi sempre questa terapia prevede l’utilizzo in abbinamento di antibiotici ed antinfiammatoriper controllare non solo il fungo responsabile dell’otite, ma anche il proliferare dei microrganismi nell’orecchio. Questi prodotti devono essere prescritti dal veterinario e non possono essere somministrati se non in accordo con lo stesso.

dermatite da malassezia muso

Dermatite da malassezia nel muso del cane

 

Terapia otite da malassezia nel cane e nel gatto

Come si cura l’otite da malassezia nel cane

La Malassezia nel cane e nel gatto si trova spesso nel condotto uditivo interno. L’animale con da Otite da Malassezia si gratta continuamente le orecchie, perché gli prudono a causa dell’attività dei lieviti e dei funghi. E’ possibile che si formi un cerume da un odore molto forte, un pò rancido, ma molto liquido.  I microrganismi che si trovano all’interno del padiglione auricolare aumentano di numero in maniera vertiginosa attaccando tessuti e membrane, fino ad arrivare al timpano. Questa è da considerare un’emergenza medico-veterinaria.

Porta subito il tuo cane o gatto dal veterinario per risolvere la situazione il prima possibile. Infatti la risoluzione a questo problema e di tipo farmacologico. Pertanto prima inizi, prima risolvi questa fastidiosa situazione.

Nei casi più gravi il veterinario può decidere di intervenire inserendo una canula nell’orecchio per drenare l’eccesso di lievito.  Perché le cure abbiano effetto, è necessario capire i motivi della manifestazione della Malassezia. Quasi sempre, responsabile della malattia è l’alimentazione.

L’otite da Malassezia può essere curata e tratta con soluzioni a base di antimicotici ad uso topico, in Abbinamento, spesso con antibiotici e antinfiammatori. L’obiettivo è controllare tutti i microrganismi presenti nell’orecchio, compreso il fungo da Malassezia.

Non esiste un vaccino o un rimedio efficace per tutti contro l’infezione da Malassezia. Ogni cane o gatto reagisce in maniera diversa alle terapie e in molti casi è necessario cambiare più prodotti prima di trovarne uno particolarmente adatto.

Terapie Malassezia: come curare la dermatite

Come si cura la malassezia nel cane

L’uso di farmaci antimicotici per via topica e/o sistemica è efficace per eliminare i lieviti e deve essere continuato per almeno 3-4 settimane. L’uso combinato di antibiotici e antinfiammatori sono consigliati sia per prevenire il fungo da malassezia che è direttamente responsabile e causa dell’otite nei cani e nei gatti.

Perchè le cure abbiano effetto, è necessario capire i motivi e le cause della Malassezia. Nella maggior parte dei casi il responsabile principale della malattia è l’alimentazione.

Non esiste un vaccino o un rimedio efficace per tutti contro l’infezione da Malassezia. Ogni cane o gatto reagisce in maniera diversa alle terapie e in molti casi è necessario cambiare più prodotti prima di trovarne uno particolarmente adatto.

La malassezia nel cane può essere contagiosa o virale?

La malassezia nel cane non è contagiosa. Anche se esistono molti tipi di lievito, quello canino non è risulta essere contagioso ne tantomeno virale. E’ importante apprendere l’origine del problema della dermatite ovvero quello dell’alimentazione. Non sottovalutare la malassezia, cosi come tutte le altre forme di dermatiti

4 Commenti

  1. Molinari Giovannella

    Buongiorno ho una Labrador femmina anni 2 Si mordicchia le zampe , ha delle bolle sul muso , si gratta nervosamente . Leggevo sul vostro sito dermatite da malassezia come posso curarla?

    Rispondi
    • DoctorVet

      La Malassezia può essere curata e tratta con soluzioni a base di antimicotici ad uso topico, in abbinamento, spesso con antibiotici e antinfiammatori.

      L’obiettivo è controllare tutti i microrganismi presenti nella zampa, compreso il fungo da Malassezia.

      Ti invito a contattare il tuo medico veterinario per approfondire l’argomento e sopratutto per verificare effettivamente che il tuo cane è affetto da dermatite da malassezia, oppure puoi scrivere in chat whatsapp 349-9389880 o contattare https://www.ambulatoriokant.it/

      Rispondi
  2. Melisa Meneghini

    Buonasera ho un bull terrier di 5 anni e il veterinario a detto che a questa malattia malassezia, è giusto fare una cura con itraconazolo? Quale sarebbe la dose è il modo giusto di fare questa cura?
    Grazie mille.

    Rispondi
    • DoctorVet

      Chiaramente a questo tipo di domanda è impossibile rispondere se non si visita il cane. Il consiglio spassionato è affidarsi a ciò che le ha prescritto il veterinario che ha visitato il cane. Stesso discorso vale per la dose.
      Ti auguriamo buona giornata, e tienici aggiornati!

      Lo staff

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CARTELLA CLINICA
VETERINARIA

Tenere sotto controllo la salute del tuo animale non dovrebbe essere complicato. 

Sii un padrone diligente e scarica l’app gratuitamente