Come Relazionarsi con un Gatto Disabile

da | Lug 16, 2020 | Disabilità, Gatto, Malattie | 0 commenti

Generic selectors
Frase esatta
Cerca nei titoli
Cerca nel contentuto
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filtra per categoria
Alimentazione
Cane
Comportamentale
Dermatite
Disabilità
Gatto
Life Style
Malattie
Marketing per Veterinari
Pronto Soccorso
Uncategorized

Purtroppo alcuni gatti nascono con le disabilità, oppure possono diventarci in seguito di incidenti, malattie o effetti degenerativi della vecchiaia. I gatti sono generalmente molto bravi ad adattare il loro stile di vita per far fronte a una disabilità, avendo comunque una buona qualità della vita, rispetto ad altri animali. Questo articolo descrive alcune disabilità più comuni, come: gatti ciechi, gatti sordi, gatti a tre zampe (tripodi) e gatti traballanti affetti da ipoplasia cerebellare.

gatto cieco con occhi aperti

Un gatto può essere cieco anche se mantiene gli occhi. Infatti possiamo notare una forte velatura su entrambe gli occhi

Gatto Cieco

La perdita della vista è spesso graduale. Molte volte infatti i proprietari non si rendono conto di quanto stia peggiorando la vista di un gatto fino a quando non viene scoperta durante una visita dal  veterinario. I gatti ciechi di solito si adattano molto bene alla perdita della vista, compensando questa mancanza usando e affinando gli altri sensi, un pò come succede con le persone. Alcuni gatti però nascono con una vista limitata o del tutto assente. In questi casi la compensazione con gli altri sensi è molto più forte

Cause della cecità nel gatto

A seconda della causa, la cecità può essere parziale o totale; e può essere reversibile o permanente. Alcune delle cause più comuni di cecità includono:

  • secchezza oculare, come conseguenza dell’herpesvirus felino o di una lesione oculare
  • alta pressione sanguigna con conseguente distacco della retina, il tessuto sensibile alla luce che riveste la superficie interna dell’occhio – spesso causato da una ghiandola tiroidea iperattiva o da una malattia renale. La cecità in questo caso è spesso molto improvvisa, anche se se si richiede immediatamente un parere veterinario. A volte è possibile invertire la lesione
  • glaucoma o aumento della pressione oculare – a seguito di una lesione, tumore o malattia ereditaria
  • cataratta (quando la lente dell’occhio diventa opaca) – a causa di una lesione dell’occhio, del diabete o di un problema ereditario
  • degenerazione della retina – questo può essere causato da problemi alimentari, tossine, infezione o malattia ereditaria
  • tumori all’interno degli occhi
  • cicatrici sulla superficie libera dell’occhio, in seguito a traumi o infezioni

Se il tuo gatto soffre di una o più di queste condizioni elencate, potrebbe richiedere controlli regolari dal veterinario

Sintomi della cecità nel gatto:

Come capire e interpretare i segnali di una probabile cecità, che il tuo gatto ti sta inviando

Potresti notare questi segni se il tuo gatto sta diventando cieco (o lo è del tutto)

  • urta cose, in particolare mobili che sono stati spostati – questo può essere più evidente di notte o in condizioni di scarsa luminosità
  • disorientamento o cambiamento nel comportamento normale
  • se cieco in un occhio, un gatto può essere sorpreso da movimenti improvvisi sul lato cieco
  • un cambiamento nell’aspetto dell’occhio – può ingrossarsi, annebbiarsi o cambiare colore
  • gonfiore o secrezione dall’occhio
  • dolore agli occhi – il gatto può risentirsi quando è accarezzto sulla testa o sul muso. Può inoltre socchiudere gli occhi e provare a tenere il probabile occhio cieco, chiuso.

gatto-cieco

un gatto disabile, cieco, che vive la sua vita in casa

Come posso aiutare o favorire l’adattamento del mio gatto cieco?

Se la cecità è causata da malattie o lesioni, è possibile rimuovere uno o entrambi gli occhi. Un gatto che è improvvisamente cieco può facilmente disorientarsi. Potrebbero non essere disposti a lasciare la loro zona notte (comfort zone) e sviluppare abitudini igieniche inadeguate perché non sono in grado di trovare la lettiera. Alcune precauzioni contribuiranno a garantire che il tuo gatto si adatti alle condizioni nel modo più soft possibile. Ecco alcuni consigli:

Evita di lasciare il gatto libero, all’aperto

Doctorvet consiglia di non lasciare che i gatti ciechi vaghino liberamente di fuori, all’esterno. Tieni il gatto in casa, a meno che non abbia accesso a un giardino recintato. Assicurati che sia stato impiantato il microchip di riconoscimento, se non lo hai fatto, è il momento giusto per farlo. Prendi in considerazione anche la possibilità di mettergli un collare a “sgancio rapido” con su scritto il tuo indirizzo indirizzo e la sua disabilità, per prevenire qualisasi tipo di esigenza, compresa la fuga.

Potrebbe inoltre essere necessario prestare maggiore attenzione all’ambiente di un gatto casalingo. Ricorda: un gatto cieco riesce ad adattarsi meglio rispetto alle altre specie. Non biasimarlo ma impara solo a riconoscere meglio le sue esigenze. I gatti cieci giocano e passano il tempo proprio come i loro simili senza disabilità.

Poni attenzione al tuo gatto cieco

Cerca di incoraggiare il gatto a camminare da solo, perché trasportarlo in braccio spesso lo disorienta. I gatti hanno ghiandole che emanano odore sulle zampe che consentono loro di lasciare una scia di profumo da seguire – questo è ancora più importante per i gatti ciechi. Se devi trasportarli, mettili sempre in un luogo familiare: la loro zona del cibo o le cuccette dove dormono, in modo che possano facilmente orientarsi. Fai attenzione a sollevare un gatto cieco su superfici rialzate, (come tavoli, sedie etc etc) in quanto potrebbe cadere. Lascia sempre tempo e spazio al tuo gatto di orientarsi quando si trova in posti nuovi. Non mettergli fretta, stai ai suoi tempi. Controllalo soltanto.

Come approcciare, relazionarsi al gatto cieco

Parla con voce dolce al tuo gatto mentre ti avvicini per evitare di spaventarlo. Se il tuo gatto è cieco in un occhio, prova ad avvicinarti dal lato in cui vede. Movimenti dolci e delicati. Stai attento a non fare rumori troppo forti e osserva sempre il comportamento del corpo del gatto. Non spingere mai sull’accelleratore, rispetta i suoi tempi.

Dato che i gatti ciechi si affidano all’odore e alla memoria per orientarsi, dovresti evitare di spostare mobili, cibo e lettiere, o comunque pensa a mettere a proprio agio il tuo gatto cieco, indirizzandolo nei nuovi punti. Non lasciare ostacoli in luoghi inaspettati in cui il tuo gatto potrebbe sbatterci contro. Se hai delle scale, posiziona una barriera preventiva fino a quando il gatto non sa dove si trovano le scale e impara a usarle. Mettere un tappeto (o un qualcosa che faccia capire al gatto) sui gradini superiore e inferiore  delle scale per informarlo che sono finiti i gradini, può aiutare il tuo gatto a imparare rapidamente ad usarle senza problemi.

Giochi e Esercizi

Il suono (e i rumori) sono molto importanti per un gatto cieco, quindi può divertirsi giocando con giocattoli “rumorosi”. È importante incoraggiarli a esercitarsi poiché fa parte del comportamento naturale di un gatto e contribuirà a impedire il sovrappeso e l’obesità. Noterai con stupore che i gatti ciechi, una volta presa “confidenza” con la propria disabilità vivranno una vita piena proprio come un gatto non disabile. Gioca con lui, può ancora farlo senza problemi.

gatto-cieco-gioca

Gioca con il gatto cieco, non ha niente di meno di un gatto non disabile. Ti sorprenderà!

Trasferirsi o cambiare casa con un gatto cieco

Le operazioni e le best practice per un trasloco con il gatto cieco è molto simile alla sistemazione di un gatto senza disabilità, quando si trasferisce in una nuova casa. Tuttavia, i gatti ciechi avranno bisogno di un pò di attenzione. Dovresti assicurarti che i dintorni siano sicuri sopratutto se hai un giardino e il tuo gatto è abituato a girare nei paraggi della casa. Così come mettere in sicurezza finestre e balconi se abiti in un appartamento. Se diventano disorientati, guidali in un luogo familiare usando la tua voce o camminando con loro. Il segreto è la pazienza, e il tuo amore 🙂

Gatto Sordo

Alcuni gatti nascono sordi, ma molti gatti perdono l’udito gradualmente man mano che invecchiano. La perdita improvvisa dell’udito è il normale risultato di una malattia o di un infortunio e può essere temporanea o permanente. I gatti sordi compensano la loro mancanza di udito usando di più gli altri sensi, al punto che può essere difficile scoprire se sono sordi o meno . Esistono vari gradi di sordità, con cause diverse. Possono essere essere curabili oppure no.

Diversi tipi di sordità

Esistono due tipi principali di sordità: dove il suono non può passare nell’orecchio, a causa di:

  • tumori
  • infezioni dell’orecchio esterno e medio
  • accumulo di cera
  • acari dell’orecchio

Il tipo di sordità sopra descritto può essere reversibile trattando la causa sottostante. Dove i nervi associati all’orecchio non funzionano correttamente, a causa di:

  • problemi genetici – ad es. il caso di alcuni gatti bianchi
  • infezioni dell’orecchio interno
  • tossicità da droghe
  • trauma da rumore
  • degenerazione legata all’età

Queste condizioni generalmente producono sordità permanente.

gatto-sordo

impara a convivere con un gatto sordo.  A volte la sordità può essere momentanea, a volte permanente. I gatti sordi spesso non riescono a sentire l’arrivo delle minacce, oggetti o altri animali.

Come scoprire se il gatto è sordo?

Alcuni gatti sordi chiamano più spesso e più forte – non possono regolare il proprio volume – mentre altri possono diventare anche muti, in seguito alla sordità. Può essere molto difficile determinare se un gatto è sordo, in particolare se è sordo dalla nascita ed è abituato alle sue condizioni; rimane molto difficile capirlo. Tuttavia ci sono altri segni che possono aiutarci a capire possono includere:

  • mancata risposta quando si parla o si chiama, neanche un minimo movimento delle orecchie
  • il gatto facilmente sorpreso da oggetti o movimenti
  • segni di vertigini o disorientamento
  • non aver più paura dell’aspirapolvere o di altri apparecchi rumorosi
  • scuotere la testa o grattarsi spesso e con forza l’orecchio
  • pus o altre sostanze proveniente dall’orecchio
  • un odore sgradevole dalle orecchie

Come aiutare un gatto sordo ad adattarsi

Un gatto sordo viene facilmente sorpreso perché non si accorge che ti stai avvicinando o dei rumori che possono fare oggetti (come aspirapolere) o altri animali. Assicurati di camminare pesantemente quando ti avvicini a loro, in modo che possano sentire le vibrazioni. A distanza ravvicinata, battere le mani  o lasiare impronte sul terreno/pavimento potrebbero essere ancora sufficienti per attirare l’attenzione di un gatto parzialmente sordo.

Un gatto sordo non sarà in grado di sentire segnali di pericolo come automobili o altri animali, quindi la protezione dei gatti consiglia di tenere il tuo gatto sordo in casa per la propria sicurezza e lasciarlo uscire solo in un giardino sicuro.

Assicurati che abbiano un microchip. Potresti prendere in considerazione la possibilità di montare con cura un collare a sgancio rapido con su scritto la disabilità del gatto e i contatti in caso di smarrimento. Potrebbe essere necessario prestare maggiore attenzione al loro ambiente per rendere le cose sicure. Per quanto riguarda il gioco, prova a comprare giochi interattivi e/o giochi a puzzle con del cibo. Tutte queste azioni possono aiutare a creare interesse e aiutarlo ad adattarsi. I gatti sordi possono imparare a riconoscere i segnali manuali o i segnali fatti con le luci (per esempio di una torcia) se non riescono a sentirti chiamare. Assicurati che il segnale che scegli per chiamare il tuo gatto sia ben distinto così da non si confonderli.

gatto sordo

Presta attenzione all’ambiente in cui vivono. Puoi pensare di richiamare il tuo gatto sordo utilizzando altri metodi, come una luce lampeggiante ad intermittenza. Sii chiaro quando utilizzi questi segnali per non mandare messaggi che potrebbero confondere il gatto

Gatto Tripode – con tre piedi

Alcuni gatti possono nascere con solo tre arti, ma la maggior parte dei gatti a tre zampe ha subito lesioni o malattie, il che significa che è stato amputato l’arto interessato. I gatti si adattano notevolmente a uno stile di vita a tre zampe, anche se il processo di adattamento iniziale può essere decisamente impegnativo. Tuttavia, una volta regolati e prese le distanze, la maggior parte dei gatti a tre zampe sono in grado di saltare, arrampicarsi, cacciare e giocare anche se forse un pò più lentamente rispetto ad altri mici a quattro zampe. I gatti giovani e i maschi hanno maggiori probabilità di diventare a tre zampe: l’amputazione è spesso il risultato di una lesione traumatica, con i maschi che hanno maggiori probabilità di vagare più lontano rispetto alle femmine mentre i più giovani che esplorano hanno più probabilità di essere coinvolti in incidenti stradali. La maggior parte dei gatti a tre zampe ha perso un arto posteriore, piuttosto che un arti anteriori.

gatto-tripode

Una volta abituati alla loro disabilità, la maggior parte dei gatti a tre zampe sono in grado di saltare, arrampicarsi, cacciare e giocare

Gatto con arto amputato

Come posso aiutare il mio gatto tripode ad abituarsi?

  • mantieni il tuo gatto a casa, e/o prendi e metti in pratica i consigli del veterinario. Segui tutti i consigli post-terapia che forniscono. Assicurati di parlare con il tuo veterinario appena noti segni di dolore nei gatti, anche impercettibili, poiché potrebbe essere necessario avere più cura e attenzione nel periodo post-operatorio
  • assicurati che ci sia un facile accesso a un luogo comodo, come la cuccia, e che sia facilmente accessibile per un tripode per dormire, per mangiare, per bere acqua, e per andare in bagno nell’apposita lettiera, e per il tiragraffi / giochi. Sebbene ai gatti non piaccia mangiare vicino alla loro zona per bere o fare il bagno, subito dopo l’intervento chirurgico, è probabile che il gatto apprezzerà la vicinanza di questi posti.
  • gli altri animali domestici in casa potrebbero riconoscere il cambiamento. I gatti fanno affidamento agli odori per identificare i membri del loro gruppo sociale. Andare dal veterinario può significare assumere altri odori che i gatti (e altri animali) non riconoscono più al loro ritorno. È consigliato reintrodurre i gatti tra loro lentamente e solo una volta che il paziente ha avuto la possibilità di riprendersi.
  • il tuo gatto potrebbe impiegare del tempo per imparare di nuovo a bilanciare con tre arti. Limitare l’accesso alle superfici alte e tenerle al chiuso fino a quando non saranno più sicure. Fornisci sgabelli che possono essere utilizzati come passaggi per aiutare il tuo gatto ad accedere a cose come il divano
  • se sei costretto a spostare dei mobili, lascia sempre al tuo gatto una transizione morbida verso queste novità. Non lasciare spazio fra i mobili dove potrebbe cade e rimane incastrato. Se possibile sposta i mobili gradualmente nella posizione che desideri.
  • fai attenzione ai problemi derivanti dalla lettiera. Fare i bisogni è un’attività molto importante per un gatto e se non si sente al sicuro per diverse ragioni, può scegliere di andare in bagno altrove, in casa. Potrebbe essere necessario fornire un passaggio per migliorare l’accesso alla lettiera, oppurea bbassare i margini della lettiera, ed essere pazienti mentre imparano a usarla, a scavare e pulire se stessi con tre gambe anziché quattro
  • se il tuo gatto non è abituato ad essere curato, inizia molto lentamente e assicurati di rendere l’esperienza positiva offrendo lodi, carezze e ricompense.
  • quando possono uscire di nuovo, assicurati di avere un buon accesso sia per entrare che per uscire dalla tua casa. Se un gatto si sente minacciato mentre cerca di uscire di casa, o per lui è molto scomodo, potrebbe diventare riluttante ad uscire e questo potrebbe causare problemi comportamentali. Questo sopratutto se hai casa con giardino e tieni la lettiera fuori.

Un gatto tripode (3 zampe) può pensare di avere ancora 4 zampe e comportarsi come tale?

Alcuni gatti sentiranno l’esigenza di dover usare ancora l’arto mancante – per esempio, molti gatti che non hanno una zampa posteriore, continueranno a provare a grattarsi l’orecchio con l’arto mancante, per il resto della loro vita. Non è ancora certo se i gatti siano affetti da quella sensazione di arto fantasma che colpisce un’alta percentuale di amputati negli uomini, ma raramente mostrano segni che ci fanno pensare a questo.

gatto-tripode-come-abituarlo-a-casa

un gatto casalingo che si gode i piacere della casa, proprio come qualsiasi altro gatto

Sovrappeso e obesità: un problema da risolvere

Perché il controllo del peso è così importante nei gatti a tre zampe?

È probabile che il cambiamento nel movimento e nel carico del peso condiviso sugli arti rimanenti, possa contribuire allo sviluppo dell’artrite più avanti nella vita. La maggior parte dei gatti anziani a quattro zampe è già affetta da artrite, quindi è possibile che si sviluppi prima nelle gatti a tre zampe. Per questo motivo, è particolarmente importante controllare attentamente il loro peso.

Il peso extra mette a dura prova le zampe che possono causare molti problemi, sopratutto più avanti nella vita. I gatti che hanno perso una gamba anteriore possono essere particolarmente a rischio delle conseguenze dell’eccesso di peso e dell’artrite, poiché le gambe anteriori hanno un peso maggiore rispetto a quelle posteriori. Alcuni gatti mangiano troppo quando sono stressati e c’è probabilmente una riduzione dell’esercizio durante il recupero dall’amputazione, quindi i proprietari dovrebbero essere consapevoli che il loro gatto potrebbe essere incline a diventare sovrappeso. Discutere con il veterinario un peso ottimale per il gatto e chiedere loro di aiutarti ad attuare una dieta adeguata.

gatto-ipoplasia-cerebellare

i gatti con ipoplasia cerebellare hanno difficoltà motorie

Ipoplasia Cerebellare

L‘ipoplasia cerebellare è una condizione che si verifica nei gattini a seguito di uno sviluppo interrotto del cervello che porta a movimenti o atassia non coordinati. I gattini colpiti vengono spesso definiti “gattini traballanti“. Possono esserci molte cause di atassia, ma questo articolo affronta in modo specifico una di quelle cause: l’ipoplasia cerebellare.

Quali sono le cause dell’ipoplasia cerebellare?

L’ipoplasia cerebellare si verifica nei gattini a seguito dell’infezione da parte della madre di un virus chiamato parvovirus felino durante la gravidanza. Può anche verificarsi occasionalmente se il gattino è infetto nelle prime settimane dopo la nascita. Alcuni o tutti i rifiuti dei gattini possono essere colpiti e alcuni individui possono esserne colpiti più di altri. Il virus colpisce il cervelletto durante lo sviluppo del gattino ed è questa parte del cervello che è responsabile del movimento.

Quali sono i sintomi e i segni dell’ipoplasia cerebellare?

Il trauma diventa evidente quando i cuccioli iniziano a muoversi per la prima volta a poche settimane di età. Ma il cambiamento non è progressivo, quindi non peggiora nel tempo. I gatti sono colpiti per il resto della loro vita e generalmente imparano a far fronte alle loro condizioni. I gatti colpiti possono:

  • stare in piedi con le gambe distanziate
  • ondeggiare quando si muovono
  • sollevare le gambe in alto quando si cammina
  • mostrare annuendo o tremori alla testa, che possono peggiorare quando si concentrano per fare qualcosa come mangiare
  • perdere l’equilibrio

Esiste un trattamento per ridurre o migliorare l’ipoplasia cerebellare?

Una volta che il cervelletto è stato danneggiato in questo modo, non può essere riparato, quindi non esiste un trattamento per l’ipoplasia cerebellare.

Cure mediche dedicate per l’ipoplasia nel gatto

Un gatto con ipoplasia cerebellare richiede cure speciali?

Ecco alcuni suggerimenti per migliorare la qualità della vita di un gatto con ipoplasia cerebellare:

  • i gatti con ipoplasia cerebellare apprezzano spesso una lettiera (meglio proprio una vaschetta) per i rifiuti profonda con i lati alti affinchè li possono utilizzare per sostenersi e mantenere l’equilibrio durante le deiezioni. Assicurati però che il gatto possa entrarci senza problemi, altrimenti è un disaggio, non un aiuto!
  • i gatti colpiti possono essere molto disordinati quando mangiano: mantieni la zona pulita e utilizzare una ciotola d’acqua robusta che non si sposti facilmente, magari in un angolo o con delle ventose attaccate al pavimento – inoltre – per alcuni gatti, sollevare un pò le ciotole (qulche centimetro, non fate allungare il collo al vostro gatto) può essere utile.
  • i gatti con ipoplasia cerebellare possono avere difficoltà a saltare con precisione – dai loro un modo semplice per accedere e godere delle loro aree preferite – cuscini e tappeti sotto i davanzali possono fungere da tappetini che attutiscono i colpi o il trabballare del gatto.
  • usare un rampa per dare a un gatto interessato l’accesso alle superfici più alte. Assicurati che sia abbastanza largo e ricoprilo col tappeto per aumentare la stabilità e la presa del gatto.
  • Doctorvet raccomanda di non lasciare i gatti affetti da ipoplasia fuori casa senza sorveglianza, ne va della loro sicurezza. Il loro movimento non coordinato può rendere molto difficile la fuga dai pericoli. Tieni il tuo gatto in casa, a meno che non abbia accesso a un giardino recintato e sorvegliato. Assicurati che abbia il microchip di riconoscimento. Prendi in considerazione l’idea di un collare a sgancio rapido, con su scritto il tuo indirizzo di casa, i tuoi recapiti e la disiabilità. Potrebbe essere necessario prestare maggiore attenzione all’ambiente di un gatto casalingo per rendere le cose divertenti ma sicure.

ipoplasia cerebellare gatto

Un gatto con con ipoplasia cerebellare che ha trovato una casa e delle attenzioni amorevoli

Qual è la prospettiva dei cuccioli con ipoplasia cerebellare?

La maggior parte dei cuccioli sono colpiti solo lievemente o moderatamente. Con lievi adattamenti alle loro cure, possono godere di una buona qualità della vita. Occasionalmente, i cuccioli gravemente colpiti potrebbero non essere in grado di svolgere anche le loro funzioni di base e l’eutanasia può essere raccomandata per motivi. E’ un argomento estremamente delicato, approfondiscilo insieme al tuo veterinario di fiducia. Bisogna sempre calcolare la situazione nel suo insieme.

 

Condividi l'articolo su:

Iscrivi e tieni sotto controllo lo stato di salute del tuo animale.

Gestire la salute del tuo animale non dovrebbe essere compliato

L’obiettivo è fornirti un valido strumento così da poter mantenere alta la qualità della vita del tuo migliore amico.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *